Curarsi con la Consapevolezza

postato da Nicoletta Carbone il 29.06.2015
29

Si fa sempre più strada un nuovo paradigma che non ci chiede più di curare la malattia, ma di ristabilire l’equilibrio nell’essere umano, in questo modo aiuteremo a curare e prevenire molte malattie che si nutrono del nostro modo sbagliato di vivere. Oggi sappiamo che molti atteggiamenti e abitudini non corrette della nostra vita influenzano direttamente il nostro corpo con squilibri fisici, energetici e psicologici. La consapevolezza aiuta a riportare armonia tra i nostri sistemi fisici, energetici e psicologici e con l’ambiente che viviamo, aiutandoci a ristabilire un mondo in salute e benessere.

TRE SCOPI PRINCIPALI DELLA CONSAPEVOLEZZA
1. SVILUPPO DELLA CHIAREZZA DEL NOSTRO VIVERE
2. SVILUPPO DELLA NOSTRA RESPONS-ABILITY (ABILITÀ DI RISPONDERE)
3. MODIFICA DEL NOSTRO ATTEGGIAMENTO E  COMPORTAMENTO
1) SVILUPPO DELLA CONSAPEVOLEZZA DEL VIVERE  è primo scopo che si prefigge qualsiasi pratica di consapevolezza, aiutarti a vedere il mondo nella sua realtà e non solo attraverso i tuoi occhi, filtrato dai tuoi pensieri e condizionamenti. Una volta vista e percepita la realtà posso rispondere sulle base delle mie emozioni e pensieri.
2) SVILUPPO DELLA RESPONS-ABILITY (ABILITÀ DI RISPONDERE).  Un secondo scopo della consapevolezza è quello di aiutarti  a sviluppare la tua “capacità di risposta”, la tua respons-ability affinché tu possa attraverso di essa modificare il tuo atteggiamento di fronte ai vecchi problemi e  trovare finalmente nuove risposte ad essi.
3) MODIFICA DELL’ATTEGGIAMENTO E DEL COMPORTAMENTO. In accordo con la suddetta premessa, più che tendere all’eliminazione dei problemi che sono solo il sintomo di un vivere disarmonico. Un sintomo, come il mal di pancia, è il sintomo di una cattiva alimentazione e la cura è la consapevolezza di alimentarsi correttamente. La Consapevolezza offre la possibilità di sostegno per una modifica dell’atteggiamento nei confronti della nostra vita e delle persone che la abitano. E un invito a farsi carico del cambiamento più radicale, un diverso atteggiamento di pensiero ed azione che di conseguenza aiuteranno ad eliminare anche il sintomo ovvero i problemi che quotidianamente ci assillano. La consapevolezza è la nostra medicina, se sviluppiamo uno stile di vita consapevole aiutiamo a prevenire ogni malattia.
Per approfondire la Via della Consapevolezza scarica Gratis:  Zen 2.0 La via della felicità ed.Cairo

Il punto focale è l’individuo, non il problema, non è il sintomo ma la causa. Lo scopo non è quello di risolvere un problema particolare, ma di aiutare l’individuo a crescere affinché possa affrontare  il  suo problema attuale e quelli successivi in maniera più integrata.

A cura di Tetsugen Serra, Maestro Zen

La cura quotidiana del décolleté

postato da Nicoletta Carbone il 27.05.2015
27

Per la cura quotidiana del décolleté sono ottime le spugnature e le docce con acqua fredda, alternate a spruzzi di acqua tiepida: all’effetto benefico del liquido si aggiunge quello sferzante esercitato dalla spugna o dal getto. La pelle del seno ha una bassa percentuale di ghiandole sebacee e tende a diventare secca e ruvida, con il rischio di una precoce comparsa di piccole rughe. Si può rimediare applicando ogni giorno creme idratanti con un leggero massaggio rotatorio.

E per il viso? Il gommage
Poiché il gommage è un trattamento molto delicato, è particolarmente adatto anche al viso. Si tratta di una crema che contiene alcuni ingredienti, come piccoli granuli del guscio di mandorla, in grado di catturare ed eliminare gli strati più superficiali di pelle morta. Inoltre, sono presenti sostanze lenitive e rinfrescanti, come l’olio d’oliva, capaci di rigenerare i tessuti, agendo anche come anti-età. Se usato due volte a settimana, il gommage aiuta il viso ad apparire più fresco e disteso.

A cura di Antonino Di Pietro, dermatologo plastico d i Milano, presidente Isplad

Casco e capelli

postato da Nicoletta Carbone il 19.03.2015
19

Per evitare che lo sfregamento del casco produca effetti negativi sulla nostra capigliatura, determinando una possibile caduta, può essere utile indossare un sottocasco calzamaglia in seta che impedirà il contatto diretto della calotta del casco con i capelli. In questo modo si potranno evitare anche le eventuali allergie causate dal contatto dell’imbottitura e rivestimento interno in fibre sintetiche con la cute del cuoio capelluto. Tali dermatiti sono le responsabili di fastidiosi pruriti ed eccessi di forfora in molti motociclisti.

A cura di Antonino Di Pietro, dermatologo plastico di Milano, presidente Isplad

La scuola del sorriso

postato da Nicoletta Carbone il 02.10.2014
02

L’estate è finita ed i nostri bambini sono tornati all’asilo e a scuola. Dopo la spensierata pausa estiva anche loro riprendono le grandi e piccole abitudini quotidiane . E’ questo il momento più opportuno per fare il punto sulle regole fondamentali di igiene orale nell’età evolutiva. Se il buon giorno si vede dal mattino, così anche la salute della bocca comincia dalla primissima infanzia. La flora batterica del cavo orale infatti si forma  nel periodo neonatale, la bocca del neonato alla nascita è sterile e si contamina con l’esposizione all’ambiente esterno. E’ importante quindi mantenerla il più possibile pulita. Vanno eliminate le sostanze zuccherine nel biberon a fine giornata ed è assolutamente dannoso il ciuccio immerso nello zucchero o nel miele. Questi zuccheri puri formano nella bocca del neonato un biofilm, cioè un pellicola, imbevuta di batteri che porterà carie e problemi  dentali per tutta la vita. Sarà bene dare al lattante un po’ d’acqua prima di dormire e passare una garzina morbida umida o il dito di gomma sulle gengive per eliminare i residui di cibo. Se i nostri ragazzi sono più grandicelli, hanno più di 2 anni, allora è tempo di passare già allo spazzolino da denti che deve avere la testina piccola, le setole morbide ed una comoda impugnatura. Aiutati dalla mamma o dal papà i piccoli imparano a pulirsi i dentini divertendosi. All’inizio è bene evitare il dentifricio perché i piccoli tendono a mangiarlo  soprattutto se è aromatizzato. Dopo i 4 anni i  bambini imparano a spazzolarsi da soli e ad inghiottire meno il dentifricio. È bene prendere un dentifricio al fluoro. L’applicazione esterna del fluoro è molto utile  e  rinforza la parte della corona dei denti già erotti in arcata.
Ricordiamoci sempre di non lasciare passare più di mezz’ora dall’assunzione del cibo al lavaggio dei denti. La saliva infatti anche se ha un eccezionale effetto tampone, non riesce ad impedire che dai residui di cibo si formino gli acidi, prima causa delle smalto.
A cura della Dott.ssa Alessandra Rigoni

Come curare la couperose in dieci mosse

postato da Nicoletta Carbone il 13.12.2013
13

1) Al mattino, dopo la detersione e l’abituale crema o fluido per il viso, applicare, specie su guance e naso, un fattore di protezione solare totale (in caso di esposizione al sole al mare, in campagna, in montagna), del tipo oil free (privo di olii) se la pelle è mista o tendente alla seborrea,  oppure è possibile applicare il trucco (che ha comunque un ruolo protettivo).

2) Ogni sera, dopo la detersione, applicare creme o fluidi (sempre privi di olii in caso di pelle mista o lucida) contenenti sia sostanze antiossidanti (vitamina C, vitamina E, per esempio), sia sostanze  in grado di lenire i rossori (aloe, escina, centella, acido glicirretico, alfa bisabololo, ossido di zinco).fa bisabololo, ossido di zinco, meliloto, etc).

3) Assumere per bocca integratori a base di vitamina C, di mirtillo, di ribes nero, di ginko-biloba

4) Durante le esposizioni solari, spruzzare spesso sul viso, e sempre ad ogni rinnovo di crema protettiva, acqua termale spray, dall’azione rinfrescante e calmante per la cute.

5) Al mare, in montagna, o in caso di sport all’aperto, applicare almeno ogni ora su guance e naso una crema ad alta protezione, meglio se dotata anche di azione antiossidante. Per comodità, tenersi anche uno stick a protezione totale, d’uso semplice e comodo anche durante lo sport.

6) Dopo una giornata di sole e calore, fare, sul viso deterso, una maschera a base di aloe o di hamamelis (o di altre sostanze dall’azione lenitiva ), da sciacquare con acqua tiepida dopo 20-30 minuti.

7) Evitare, nei mesi estivi prodotti e trattamenti potenzialmente irritanti, come peeling, gommage, scrubs o cosmetici a base di alfa o betaidrossiacidi.

8) Se si desidera apparire abbronzate/i, ricorrere tranquillamente agli autoabbronzanti, che non danneggiano il viso.

9) Attenzioni agli occhiali da sole con le lenti specchiate, perchè riflettono i raggi solari proprio su naso e zigomi.

10) Ideale, infine, l’uso di un berretto con visiera antisolare.

A cura della Dott.ssa Riccarda Serri

Rivitalizzare la pelle delle mani

postato da Nicoletta Carbone il 12.09.2013
12

Per contrastare l’invecchiamento delle mani si può intervenire con la Tecnica Overlapp.  Questa tecnica prevede microiniezioni di acido ialuronico naturale a circa un centimetro l’una dall’altra, che creano piccoli gonfiori con lo scopo di sollevare le depressioni cutanee. L’acido ialuronico stimola i tessuti circostanti a produrre collagene ed elastina, migliorando il turgore e l’elasticità della cute. Contribuisce inoltre a ridurre la disidratazione e la secchezza delle mani.

A cura del Prof. Antonino Di Pietro

Attenzione ai capelli troppo sottili e diradati!

postato da Nicoletta Carbone il 03.10.2011
03


Potrebbero essere sintomo di anemia. Chi ne è soggetto deve sempre tenere sotto controllo i livelli di ferro, globuli rossi, emoglobina e transferrina nel sangue. Il trattamento varia a seconda dei singoli casi. È però fondamentale consumare alimenti che garantiscano un giusto apporto di ferro: carne magra, legumi, frutta secca in guscio, broccoli, spinaci ecc. Per aumentare l’assorbimento del ferro è utile mangiare cibi ricchi di vitamina C.

A cura del Prof. Antonino Di Pietro, Direttore del Servizio di Dermatologia dell’Ospedale di Inzago (MI).

Cominciamo dai piedi

postato da Nicoletta Carbone il 15.06.2011
15

Fino a non molto tempo fa, in India, quando moriva uno Yogi e si voleva avere la certezza che la sua vita fosse stata esemplare, rigorosa e quindi degna di un riconoscimento post mortem con la sepoltura e non con  la cremazione,  gli si guardava i piedi!!!
Proprio così.
E se non si trovavano tracce di asperità, di callosità, di deformazioni , di unghie brutte e rovinate, allora si procedeva all’interramento.Niente di straordinario per quella cultura in cui tutto è simbolo , laddove i piedi sani, regolari, distesi e morbidi indicano che il “proprietario” ha “camminato bene nella vita”, occupandosi  personalmente di sé stesso nei più minuti particolari, attento alla postura del corpo che trova nei piedi la sua miglior base di appoggio e dalla cui elasticità dipendono il movimento fluido ed elegante e  lo stazionamento eretto, senza fatica , oltre alla possibilità di lunghe pratiche meditative nella famosa posizione del loto.
Per noi tutti, dunque , valgono questi semplici massaggi da eseguire al mattino dopo la doccia: con le mani leggermente unte di olio di mandorla si  infilano le dita della mano destra tra le dita del piede sinistro  mentre il braccio sinistro sostiene la gamba corrispondente. La mano destra  lavora sul piede con circonduzioni, rotazioni, flessioni della pianta e del dorso….si ungono leggermente le unghie, si impara a creare spazio tra le dita per difendersi da micosi e infezioni varie.
Provate!

A cura di Lisetta Landoni, Presidente Accademia di Kriya Yoga di Milano

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud