Affamati di informazioni

postato da Nicoletta Carbone il 19.06.2015
19


Più ne abbiamo e più ne vogliamo. Più ne vogliamo e più ci sentiamo stressati. Più siamo stressati e meno ne vogliamo. Ma non riusciamo a volerne di meno e continuiamo a cercarne sempre di più.
No, non è un gioco di parole ma quello succede a causa dello stile di vita “digitale” che ci espone ad una mole di informazioni impressionante rispetto al passato.
Smartphone e tablet ci consentono di connetterci col mondo intero e di ricevere informazioni incessantemente in tempo reale. Così, la mente viene continuamente stimolata e, paradossalmente, la fame di novità piace al nostro cervello, che ne richiede sempre di più.
E così siamo sempre alla ricerca di nuove informazioni, incastrati in un loop compulsivo dal quale è difficile prendere le distanze. Ma il prezzo che si paga per tanta informazione è l’indebolimento della capacità di concentrazione. Già nel 1978 il premio Nobel per l’economia Herbert Simon affermava: “L’informazione consuma l’attenzione. La ricchezza di informazione crea povertà di attenzione”.
Come si legge su The Indipendent, la nostra capacità di rimanere concentrati è passata dai 12 secondi del 2000 agli appena 8 secondi di oggi. Sembrerebbe che persino i pesci rossi, con i loro 9 secondi, siano più concentrati di noi!
Altri studi del National Center for Biotechnology e della National Library of Medicine degli Stati Uniti indicano che il 79% degli intervistati fa più cose contemporaneamente, come guardare il telefonino mentre guardano la tv. E il 50% dei soggetti controlla il cellulare almeno ogni 30 minuti. Inoltre, 3 soggetti su quattro guarda il telefonino prima di addormentarsi, contro il 18% di chi ha più di 65 anni (per inciso, la luce degli schermi digitali inibisce il rilascio di melatonina, compromettendo la qualità del sonno).
Questo calo di concentrazione nuoce gravemente alla salute, soprattutto a quella della memoria. Infatti, l’attenzione e la concentrazione sono le gambe dei processi di apprendimento. Se queste funzioni difettano, anche la memoria ne viene inevitabilmente compromessa.
Cosa fare allora?
Una soluzione c’è. Si tratta fissare dei teach break, ossia degli intervalli di tempo prestabiliti in cui consultiamo smartphone, tablet e computer.
Ogni quanto? L’ideale è farlo 2 volte al mattino, 3 volte al pomeriggio e 1 volta alla sera.
Non sarà facile, ma almeno possiamo dire di aver tenuto “testa” ai pesci rossi!

A cura di Giuseppe Alfredo  Iannoccari, Assomensana

TrackBack URL :



  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud