Gli uomini dicono di sé – Il tempo puoi spenderlo, ma non puoi comprarlo: sport e lavoro un binomio perfetto

Sin da bambino ho coltivato una sana passione per gli sport, siano essi individuali o di squadra. Sin da bambino mi è piaciuto mettere alla prova le mie chance di riuscita. Ho sempre avuto un’innata passione per l’esercizio fisico e per le competizioni.

Ho sempre amato lo sport perché necessita di un’attenta analisi preventiva per affrontare le sfide che pone e perché indica la via della preparazione e del sacrificio. Per tutta l’adolescenza ho rincorso lo sport ideale senza trovarlo, ma poi, fatalmente, ho scoperto seppur tardi la mia vera passione: correre. La corsa per antonomasia è la maratona, ed è in questa disciplina che ho cercato di mettere a patrimonio quanto appreso dalla vita e dallo sport: ogni maratona è una nuova sfida ed un nuovo traguardo da raggiungere.

La soddisfazione più grande è quando, arrivato ad ogni fine gara, ti volti e stringi la mano allo sconosciuto che è arrivato insieme a te, lo abbracci e sorridi come se lo conoscessi da una vita. Cammini quasi barcollando, qualcuno ti mette al collo una medaglia, qualcun altro ti fa una foto, ti fa i complimenti e ti mette in mano una bottiglia d’acqua, ma forse non hai neanche sete. Ti siedi a terra da solo, spaesato e dolorante, e versi qualche lacrima, perché non hai mai corso così veloce per quarantadue chilometri, e queste tre ore sono state la conferma che puoi farlo, che puoi fare ciò che vuoi se ci metti il cuore e sei disposto a soffrire. Mille chilometri di allenamento tra pioggia e sudore sono stati il viaggio: questa è la destinazione, e già è il momento di guardare all’orizzonte per la prossima sfida.

Perché corro? Forse perché ogni volta che lo faccio ho l’opportunità di sentirmi straordinario.

Amo il mio lavoro perché è sfidante come una maratona. Amo il mio mestiere perché è fonte di nuove relazioni e di nuove sfide da affrontare e mi permette di intraprendere sempre nuovi progetti professionali. Quando arrivi alla conclusione di un nuovo progetto, come di una corsa, ti giri e vedi quello che hai costruito per te e per chi, con te, ha sudato e sputato sangue per raggiungere quel risultato comprendi come il binomio sport/lavoro sia il risultato perfetto che ti permette di vivere appieno la tua vita, fatta di momenti difficili ma che ti riservano soddisfazioni infinite.

Corro e lavoro perché voglio spendere bene il mio tempo.

A cura di Mirco Mion – Presidente Agefis, associazione geometri fiscalisti

1 Trackback & Pingback

  1. Il tempo puoi spenderlo, ma non puoi comprarlo: sport e lavoro un binomio perfetto | Mirco Mion

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*