Cala l’umore e aumenta la pancia?

postato da Nicoletta Carbone il 26.09.2014
26


Anche negli ultimi mesi sono stati riproposti a livello internazionale lavori e ricerche che mettono in correlazione ingrassamento, depressione, allergia e infiammazione. I nostri lettori potrebbero sembrare confusi da questa affermazione ma se si pensasse ad un ginocchio che fa male per l’artrite, la sostanza biochimica che provoca il dolore può essere esattamente la stessa che determina le difficoltà a dormire o l’abbassamento dell’umore (e che magari causa anche la litigata col marito. Tutto questo può dipendere anche dal modo in cui si mangia durante la giornata o nei giorni che precedono il malessere. Questo modo di mangiare, che genera infiammazione, è anche quello che “regala” cellulite e grasso inutile e che determina una forte stanchezza mattutina, nonostante il sonno. La scoperta di questa interazione (che riguarda anche le allergie e le malattie cardiache) è di estrema importanza, e nei prossimi anni ne sentiremo parlare sempre di più. La stessa dieta che garantisce un buon rapporto tra massa magra e massa grassa è la stessa che tiene di buonumore e agisce preventivamente su tutte le più note ”malattie del benessere”.

A cura del Dott. Attilio Speciani

Emozioni di settembre: bentornati alla normalità e al Daily Lab

postato da Nicoletta Carbone il 10.09.2012
10

Nelle situazioni sociali, al rientro, spesso ci capita di ascoltare i “lamentosi del rientro”, che affrontano con fatica e con borbottamenti (per lo più monotoni, inutili e ripetitivi) la ripresa della quotidianità dopo la pausa estiva. A queste voci di settembre spesso fanno eco nella nostra mente anche le personali emozioni negative di ciascuno, che prendono in considerazione le proteste per le giornate che si accorciano, per la noia della routine giornaliera, per le limitazioni della libertà che derivano da una organizzazione del tempo più strutturata e “obbligatoria”. Il tempo per noi stessi inevitabilmente diminuisce, e anche quello da dedicare all’esplorazione del mondo e alle attività interpersonali piacevoli. Tutto sembra tornare ad un “prima” sgradevole e predefinito, per alcuni.

Possiamo provare a temperare queste emozioni negative, che affiorano insieme alle altre e magari gradevoli emozioni di settembre, sia fuori di noi che dentro di noi, cercando di:

1)     Incrementare le nostre abilità creative ed umoristiche: ad esempio scrivendo un breve raccontino di due facciate, in cui elaboriamo e archiviamo le esperienze dell’estate appena trascorsa, cercando quando possibile di utilizzare anche l’ironia e l’umorismo. La creatività e l’umorismo rappresentano infatti alcuni tra i principali fattori che aumentano la resistenza degli individui e delle famiglie alle esperienze avverse e alle difficoltà esterne;

2)     Progettare un nuovo anno in cui ci prenderemo più cura di noi stessi: ad esempio cominciando proprio dall’occasione offerta dal Daily Lab di Radio 24-Il Sole 24 ore. Potremmo dedicare qualche minuto al giorno non solo per confrontarci con gli interessanti consigli che Nicoletta Carbone e i suoi esperti ci suggeriscono, ma anche per approfittare di quel momento “per noi” per focalizzare la nostra attenzione su come ci sentiamo, sulle emozioni che proviamo, e per allenarci a “contenere-ridimensionare” quando possibile  le emozioni negative e anche a sviluppare un progetto di vita che abbia un “senso” personale e sociale, senza vivere in automatico come automi;

3)     Ricordarci ogni giorno dell’importanza delle persone care: i rapporti personali e lo sviluppo armonico di sé, e di sé-in-relazione-con-gli-altri-significativi, rappresentano alcuni tra i più fondamentali motivi di senso della vita. Questo va fatto riverberare concretamente non solo nell’organizzazione del tempo quotidiano e del programma settimanale, ma anche nelle scelte del dove e con chi passeremo il tempo libero dal lavoro o dalle incombenze obbligatorie.

4)     Ricordarci ogni giorno che viviamo su un pianeta piccolo e in una società globale: una certa attenzione a quel che accade intorno a noi, e anche più lontano sulla terra, ci aiuterà ad uscire dal nostro egocentrismo cognitivo e anche a ridimensionare alcuni problemi individuali. L’importanza poi dell’opinione pubblica in questo periodo storico fa sì che anche nel nostro piccolo ciascuno di noi può collaborare a risolvere un pochino i problemi globali.

Leggere il Daily Lab, in questa chiave, può quindi rappresentare un momento di consapevolezza e di attenzione a noi stessi, alle persone care e alla società in cui viviamo.

A cura del Dott. Francesco Aquilar, psicologo e psicoterapeuta cognitivista e comportamentale, Presidente dell’Associazione Italiana di Psicoterapia Cognitiva e Sociale (AIPCOS), Napoli.

Cibo e umore

postato da Nicoletta Carbone il 18.06.2012
18

Alcuni alimenti hanno un forte potere di riequilibrio dell’umore: cioccolato (amaro), banane, albicocche, noci e altra frutta secca contengono magnesio e alcune sostanze che entrano direttamente nei circuiti cerebrali favorendo l’aumento del tono generale.
Tra mangiare un cracker o un biscotto e usare questi alimenti la scelta è quindi facile. È bene però ricordarsi che l’effetto più potente sullo stato psicoemotivo deriva sempre da una prima colazione ricca, abbondante e fatta con la calma dovuta.
Si produce infatti leptina, ormone che stimola adeguatamente tutte le altre funzioni ormonali, attivando gli aspetti positivi della personalità e migliorando il tono dell’umore.

A cura del Dott. Attilio Speciani, specialista in Allergologia e Immunologia clinica

Il sorriso scomparso

postato da Nicoletta Carbone il 14.03.2012
14

Tornare a sorridere con una corretta alimentazione e attività sportiva

Ci sono persone che non riescono più a sorridere, perché la loro ipersensibilità non è compresa e non riescono a capire come ritrovare salute e benessere. In quei casi i trattamenti proposti sono spesso a base di farmaci per la depressione o di gastroprotettori forniti dal gastroenterologo mentre magari un allergologo, dopo avere escluso la celiachia, allarga le braccia e non prescrive più nulla. 
È il dramma di chi spesso viene frammentato in tanti pezzettini specialistici che hanno invece una unica causa. I legami tra alimentazione, infiammazione e alterazione degli stati dell’umore si stanno chiarendo sempre di più. In casi come questi, oltre alle eventuali prescrizioni sintomatiche, sono consigliabili dei cambi di comportamento, che facciano iniziare a muoversi e camminare (e se fosse possibile, correre) almeno 25-30 minuti al giorno. È importante cambiare l’alimentazione in modo da rispettare eventuali reazioni dovute al cibo, senza però escludere mai gli alimenti responsabili e concedendo il loro utilizzo almeno in 3 giorni della settimana. Senza infiammazione, senza mal di stomaco e sfruttando l’azione degli antidepressivi naturali creati con la corsa, si inizia spesso a dare valore alla propria autonomia recuperando efficienza e benessere. 

A cura del Dott. Attilio Speciani, Specialista in Allergologia e Immunologia Clinica

Voltaire: dobbiamo coltivare il nostro giardino

postato da Nicoletta Carbone il 14.11.2011
14

La crisi internazionale ha portato nuove domande.
I problemi vecchi e nuovi richiedono un nuovo modo di pensare e di agire.
È ormai assodato che non possiamo più andare avanti così, non è sostenibile. Penso che il momento storico sia un acceleratore anche per tutti noi che siamo chiamati a decidere sulle nostre vite. Le proiezioni ci dicono che l’80 per cento del mondo che conosciamo sarà nuovo tra meno di dieci anni. Siamo pronti? Sei pronto? Sai cosa fare?
Ecco qualche idea per non farti cogliere di sorpresa (di fatto è già tardi).
Per prima cosa inizia con te stesso. Inizia con i tuoi talenti, le tue abilità, la tua esperienza, le tue passioni, interessi e così via … Inizia da quello che hai ma soprattutto inizia da quello che sei e da quello che ti appassiona.
Guardati dentro e chiediti. Cosa mi ha permesso di produrre risultati fino ad oggi? Cosa mi ha portato dove sono? Cosa mi manca? Cosa devo approfondire/sviluppare/studiare?

Poi chiediti cosa ti fa battere forte il cuore. Ti piace la tua vita attuale? Adori il tuo lavoro o lo fai per abitudine? Lo so non è il momento di mettersi troppo in gioco e di rischiare ma almeno puoi farti queste domande.

Una volta che ti sei risposto non ti resta che migliorare in qualcosa. Scegli qualcosa in cui sei già bravo e/o qualcosa che ami alla follia. Non hai tempo per diventare bravo in tutto quindi specializzati in qualcosa. Diventa un esperto in quello, sarai speciale, o se preferisci straordinario.

È molto più semplice perfezionarti in un’abilità che conosci o in una che ti piace piuttosto che lavorare su un’area debole o come si dovrebbe dire un’area di miglioramento. Anche in questo caso dovrai comunque lavorare sodo, avere pazienza e non mollare. Se cerchi una di quelle cose tipo “lavora da casa senza sforzo e diventa ricco subito” rispondi pure a uno di quegli annunci che trovi su Facebook e butta via il tuo tempo (e la tua vita).

La vita come tu la vuoi Creare la vita che vuoi tu, avere il vero successo, essere soddisfatto richiede impegno e tempo. È una di quelle cose che non finiscono mai. Una volta raggiunte devi lavorare per mantenerle. È come la salute o il tuo matrimonio se le coltivi tutti i giorni funzionano altrimenti andranno in malora.

Quindi visto che c’è bisogno di migliorare il mondo inizia dal tuo giardino. Fai qualcosa oggi per crescere. Fai qualcosa per diventare migliore in qualcosa. Non serve che diventi un fenomeno in tutto. Di questi tempi basta che fai in modo straordinario una cosa, con la mediocrità che c’è in giro sarai speciale. Mi ripeto, lasciamelo fare, non è facile. Ma non puoi permetterti più le cose facili. I tempi sono cambiati.

A cura di Claudio Belotti, Coach

Integrare le opzioni per migliorare il tono dell’umore

postato da Nicoletta Carbone il 10.11.2011
10


Il trattamento farmacologico non è l’unica strada per combattere la depressione ed attivare le sostanze che migliorano l’umore. Scoperte degli ultimi 4-5 anni hanno confermato che l’uso di certi cibi e il cambiamento di alcune abitudini alimentari hanno potenti effetti sullo stato dell’umore, e si tratta di forme di terapia che possono integrarsi perfettamente alle terapie farmacologiche. Tutti dicono ad esempio che quando si è tristi si cercano i dolci, ma pochi sanno che proprio la ripetuta assunzione di dolci può favorire e provocare tristezza e stati depressivi. Sulla mente si può sempre intervenire in modo integrato, agendo in modo sinergico con farmaci, attività fisica, alimentazione. Talvolta è sufficiente ridistribuire i pasti, trasformare in un pasto vero la prima colazione, ridurre i carboidrati mangiati in giornata e fare quotidianamente attività fisica per modificare in pochi giorni anche stati emotivi altrimenti considerati gravi.

A cura del Dott. Attilio Speciani, specialista in Allergologia e Immunologia clinica.

Per gli amanti del cioccolato

postato da Nicoletta Carbone il 18.05.2011
18

Non volete aumentare di peso e non riuscite a rinunciare al cioccolato perché vi aiuta a tenere sotto controllo gli sbalzi di umore. Potete raggiungere entrambi gli obiettivi e migliorare il vostro stato di benessere con questo semplice dessert: unite 2 quadretti di cioccolato fondente (75-80%) grattugiati in una coppetta di frutta fresca di stagione, insaporite con un pizzico di cannella e decorate con nocciole tritate. Gustate lentamente. Alcune sostanze presenti nel cioccolato fondente contribuiranno ad aumentare la produzione delle endorfine, i mediatori chimici del piacere, e il basso apporto calorico vi aiuterà a tenere sotto controllo l’aumento di peso.

A cura della Dott.ssa Paola Reverso, medico nutrizionista e presidente dell’associazione “Il me + te”.

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud