Mal di schiena: è meglio scegliere esercizi che fanno piegare la schiena in avanti o indietro?

postato da Nicoletta Carbone il 04.04.2013
04

Fino a non molti anni fa le convinzioni e le consuetudini di fisioterapisti e di medici e che si occupavano di mal di schiena avevano un’orientamento parecchio comune: gli esercizi utili per combattere il mal di schiena e quindi da consigliare alle persone che soffrivano a causa di questo problema prevedevano sempre la flessione della colonna vertebrale.

Questo vuol dire che venivano prescritti solo esercizi in cui la schiena si piegava in avanti. Indipendente dalla posizione del paziente, da sdraiati oppure in piedi, non c’erano variazioni importanti e ogni movimento che prevedeva una inclinazione verso indietro della colonna vertebrale era considerato dannoso.Vi siete resi conto che se ci si sdraia a pancia sotto, la schiena tende ad inarcarsi leggermente indietro?

Per questo motivo, quindi, anche solo mettersi in questa posizione era assolutamente sconsigliato perché era considerato potenzialmente pericoloso.Questo concetto rendeva molto più semplice il lavoro dei tecnici sanitari che si impegnavano per la riduzione del dolore alla parte bassa della schiena, però, paradossalmente, privava tutti di un’importante arma di trattamento alternativa.Oggi, per fortuna, grazie all’intuito di un famoso fisioterapista neozelandese, le idee che erano così assolute sono state sostituite da un approccio molto più realistico.

Questo nuovo punto di vista prevede una ipotesi molto più ampia di esercizi,  basandosi sui  disturbi e sulle reazioni del soggetto dolorante e non solo sulle convinzioni degli esperti.Su questa base, come si fa a superare il primo, grosso scoglio e capire se dovranno essere scelti preferenzialmente movimenti che facciano inclinare la colonna vertebrale in avanti o indietro? Semplice, con delle caute ma precise e sistematiche prove che permettono di scegliere in maniera ragionevole la serie di movimenti giusti che facciano subito percepire meno i sintomi.

A cura del Dott. Michele Romano, Fisioterapista e direttore tecnico di Isico

Come potremmo dimenticarci della nostra schiena?

postato da Nicoletta Carbone il 13.03.2012
13

Posizioni Yoga per allenare la schiena

Se noi ce ne dimentichiamo o la trascuriamo, lei, come un’amante gelosa, ci fa vedere i sorci verdi!
In fondo si accontenta di poco… Qualche movimento mirato tutti i giorni per ricordarci che le nostre vertebre devono essere sempre elastiche, forti.
Dalle foto noterete che, mantenendo le gambe tesissime e i glutei contratti(che svolgono la funzione di proteggere il tratto lombare della colonna), ci si può inarcare notevolmente indirizzando le mani verso la parete: sempre respirando regolarmente e mantenendo i piedi saldamente appoggiati a terra. Giorno dopo giorno si conquisterà qualche centimetro in più nella discesa verso terra.
E’ fondamentale mantenere un respiro regolare e le mani sempre alla stessa altezza sulla parete dietro di noi. Così come si scende - ovvero con le braccia tese e vicine alle orecchie - così si deve tornare, senza scivolamenti laterali e unicamente grazie all’impegno delle fasce muscolari dorsali.

A cura di Lisetta Landoni, Presidente Accademia di Kriya Yoga

Quando capita un gran mal di schiena

postato da Nicoletta Carbone il 29.11.2011
29

Questa composizione di foto si riferisce a Salabhasana – la posizione della locusta – che ha un ottimo effetto sulla zona lombare, anche e soprattutto nel caso di una sofferenza acuta. Infatti non è un inarcamento e  la contrazione di tutta la muscolatura glutea giova  in particolare al sostegno di questo tratto della colonna vertebrale. La posizione va eseguita come indicato dalla sequenza fotografica: si inizia mettendosi sdraiati su un fianco e portando i pugni molto serrati a contatto con l’osso pubico. Ci si porta poi in posizione prona e, sempre mantenendo i pugni a contatto con il pube, si sollevano entrambe le gambe. Più in alto possibile. Si tratta di un notevole impegno muscolare che garantisce un’eccellente protezione di tutta la colonna.

A cura di Lisetta Landoni, Presidente Accademia di Kriya Yoga di Milano.

Come sistemare una schiena che tende a incurvarsi

postato da Nicoletta Carbone il 28.09.2011
28

Se guardate la seconda foto , osservate subito che la schiena della praticante è perfettamente diritta, senza quell’antiestetica e dolorosa curvatura dell’alto dorso che proprio va corretta!

Nella prima foto, vediamo le mani intrecciate dietro la schiena e le braccia ben lontane dal corpo. Se provate anche voi, vi rendete subito conto  che, così facendo, le vostre scapole tendono ad unirsi e se vi guardate di profilo nello specchio….la gobba non c’è più. Però siate diligenti nell’esecuzione  e non scoraggiatevi se le braccia, all’inizio, vorrebbero stare vicine ai glutei. Insistete, osservando le foto, a copiare esattamente l’esercizio. Sarete contenti…

A cura di Lisetta Landoni, Presidente Accademia di Kriya Yoga di Milano.

Acne sulla schiena

postato da Nicoletta Carbone il 19.09.2011
19

Ma dottoressa, come faccio con mio figlio, che scappa via tutte le volte che voglio schiacciarli una pustoletta? Lo sguardo complice va, questa volta, al figlio, non alla mamma assatanata di schiacciare brufoli e punti neri. Ma come fare a dire, apertamente “Cara signora, suo figlio fa benissimo a scappare via…”. Da un lato si vuole curare il figlio -ed essergli vicino durante la cura – senza incorrere in faide familiari. Dall’altro si riconosce che la madre è un pochino troppo seccante ed invadente nei confronti delle pustolette del pargolo. Che non vuole patire dolori da un lato e che si sente abbastanza grande, dall’altro lato, per non farsi azzannare” dalle mani della mamma. Insomma, un po’ si sente grande, e un pò si ribella al fastidio e al dolore. Sintesi: care mamme, anche se vi viene la tentazione, non schiacciate comedoni e brufoletti al figlio, specie se è maschio, specie se non vuole. Tanto lo “schiacciamento” non è una cura dell’acne. Neanche dell’acne più leggera, tanto meno di quella della schiena.
Sono moltissimi, in effetti, gli adolescenti a non presentare alcuna lesione – o pochissime – sul viso, e ad avere invece la schiena – specie le spalle e la zona tra le scapole – cosparsa di pustole – spesso sanguinanti – e di comedoni (punti bianchi e punti neri).

Ecco alcuni suggerimenti, in attesa di una visita specialistica:

* fare una doccia ogni giorno con acqua e sapone ( evitare bagni schiuma e saponi liquidi aggressivi) .

* Dopo la doccia applicare o del talco (o farsi preparare in farmacia una polvere composta da : talco veneto e ossido di zinco, anagrammi), oppure un gel disinfettante a base di benzoiliperossido oppure di clorexidina (in farmacia).

*Evitare tassativamente il contatto diretto con fibre sintetiche , o con lana, o con indumenti ruvidi, soprattutto quando si suda e/o si fa sport.

* Dopo ogni sudata fare una doccia fresca e applicare almeno un velo di talco, o di lozione a base di ossido di zinco (in farmacia)

* In caso di pustole di grosse dimensioni, alternare, al gel disinfettante, un gel o una lozione antibiotiche suggerite dal farmacista.

* In caso di singole pustole fastidiose, applicare su di esse un pezzetto di cerotto (dalla parte adesiva), elle dimensioni della pustola.

* Evitare di schiacciare, grattare, toccare la parte, perchè peggiorerebbe la situazione infiammatoria.

* Il sole fa molto bene. Ma bisogna evitare di applicare sulla schiena solari untosi o grassi (meglio i preparati oil-free), o, peggio ancora, olii od unguenti.

A cura della Dott.ssa Riccarda Serri, Specialista in Dermatologia.

Gambe forti e schiena protetta

postato da Nicoletta Carbone il 06.09.2011
06

Un esercizio semplice – e un po’ faticoso – ma ottimo per rinforzare la muscolatura delle gambe e, di conseguenza, sostenere la schiena con maggior vigore.
Guardate nella prima foto la posizione di partenza: poi piegate la gamba sinistra portando la coscia parallela al suolo. Le mani, sovrapposte, si appoggiano sul ginocchio, ma bisogna evitare di scaricarvi tutto il peso dell’esercizio.
Mantenere la posizione 1 minuto, respirando tranquillamente  con il naso, poi estendere la gamba come per tornare alla posizione di partenza.
Ripetere  il  piegamento e l’estensione  per 5 volte e poi fare  altrettanto dall’altra parte.
Mi raccomando: non barate!
Tenere questa posizione per 1 minuto è molto ma i benefici, nel tempo, sono grandissimi. Praticate ogni giorno.

A cura di Lisetta Landoni, Presidente Accademia di Kriya Yoga di Milano.

Vogliamo mantenere una colonna vertebrale elastica senza incorrere in dolorose sciatalgie e strappi muscolari?

postato da Nicoletta Carbone il 24.03.2011
24

Lo Yoga suggerisce una semplice posizione dinamica, approvata anche da medici specialisti del settore:”La posizione del gatto”.

Appena svegli, al mattino, prima di scendere dal letto, portarsi in ginocchio sul materasso con le braccia e  le gambe parallele loro: inspirando con il naso si inarca la schiena partendo dalla base della colonna e poi avvicinando le scapole tra loro e infine sollevando il mento.

Trattenere il respiro per qualche istante e poi, sull’espiro ,  e sempre coinvolgendo al massimo il bacino,arrotondare progressivamente il dorso(come un gatto arrabbiato!), senza mai piegare le braccia, e portando infine il mento contro lo sterno.

Trattenere il respiro per qualche istante e poi riprendere con il successivo inarcamento sull’inspiro ecc.

Si ripete tutta la breve sequenza almeno per 8 volte e poi….siamo pronti a iniziare la nostra giornata con la muscolatura dorsale già pronta e riscaldata.”

A cura di Lisetta Landoni, Presidente Accademia di Kriya Yoga

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud