Gli integratori alimentari: facciamo chiarezza

postato da Nicoletta Carbone il 31.03.2014
31

L’approccio integrato e innovativo della medicina anti-aging prevede, tra gli altri aspetti, un programma alimentare completo, basato sulla nutrigenomica (scienza che studia gli effetti del cibo sull’espressione genica), per far sì di riuscire a fornire al proprio organismo tutti quei principi nutritivi di cui ha bisogno. Il giusto apporto di questi nutrienti non è sempre garantito dagli alimenti che consumiamo ma, a volte, è necessario ricorrere a degli integratori alimentari o nutraceutici.
La classe medica è tuttora divisa sulle effettive proprietà degli integratori; nell’ambiente l’opinione più diffusa è che gli integratori siano inutili se non addirittura dannosi.
Eppure, innumerevoli ricerche confermano l’utilità preventiva e terapeutica delle sostanze nutrizionali e fitoterapiche. L’importante è valutare quali sono quei pochi, ma buoni, integratori chiave che contribuirebbero a prevenire molte malattie croniche. Uno studio di qualche anno fa (The Lewin Group.2006. An evidence-based study of the role of dietary supplements in helping seniors maintain their independence. Prepared for: The Dietary Supplement Education Alliance) ha isolato quattro tipi di integratori alimentari confermandone gli effetti positivi sull’organismo:

1. Calcio e vitamina D per contrastare l’osteoporosi;
2. Acido folico per prevenire difetti del tubo neurale;
3. Omega-3 per ridurre il rischio cardiovascolare;
4. Luteina e zeaxantina per prevenire la degenerazione maculare.

A seguito dei risultati della ricerca, gli studiosi hanno stimato che il miglioramento delle condizioni di salute derivante dall’assunzione di questi quattro tipi di integratori alimentari, nel complesso, porterebbe a un risparmio di 24 miliardi di dollari di costi sanitari nei soli Stati Uniti.
Si capisce, quindi, come la questione dei nutraceutici non possa essere trascurata con scetticismo ma meriti di essere approfondita e compresa.

A cura del Dott. Filippo Ongaro

Gli omega 3

postato da Nicoletta Carbone il 08.11.2011
08

La perdita di capacità cognitiva è una delle conseguenze più temute della vecchiaia. Uno studio pubblicato recentemente indica come gli acidi grassi omega 3 siano in grado di ridurre in modo significativo il rischio di disfunzione cognitiva. La ricerca, che ha coinvolto 1475 soggetti, prevedeva un’analisi dell’assunzione di omega 3 prima dell’inizio dell’esperimento e una valutazione della capacità cognitiva all’inizio e dopo 18 mesi. Il confronto tra i soggetti che avevano assunto  nel periodo di osservazione degli integratori di omega 3 e quelli che non ne avevano fatto uso ha dato risultati sorprendenti: una riduzione del 63% del rischio di declino cognitivo in chi aveva assunto gli integratori.

Gli studi che descrivono gli effetti benefici a 360 gradi degli acidi grassi omega 3 sono moltissimi e la cosa più interessante è che la stessa molecola sembra essere utile allo stesso tempo per la salute cardiovascolare, per migliorare la funzionalità della nostra insulina, per ridurre i trigliceridi e il colesterolo, per abbassare l’infiammazione e perfino per prevenire l’osteoporosi. Insomma un vero toccasana. Aumentiamo dunque l’introito di pesce azzurro e in particolare di sgombro, sarde e sardine, ma per la maggior parte di noi può essere utile aggiungere altri omega 3 attraverso degli integratori certificati di buona qualità. Unica cautela per coloro che assumono anticoagulanti: vanno associati ad omega 3 solo sotto il controllo di un medico.

A cura del Dott. Filippo Ongaro, Vice-Presidente Associazione Medici Italiani Anti-Aging (AMIA)

Omega-3

postato da Nicoletta Carbone il 30.06.2011
30

Un adeguato apporto di acidi grassi omega-3 durante la gravidanza puó ridurre del 32% il rischio di obesità infantile. Lo afferma una recente ricerca della Harvard Medical School. Lo studio, pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, ha esaminato la relazione fra il tipo di grassi che le madri avevano assunto durante la gravidanza e l’eventuale obesità all’età di 3 anni. Le misure sono state effettuate sia mediante l’indice di massa corporea (BMI), sia  mediante plicometria.
É già noto che il consumo degli acidi grassi omega-3, è associato a diversi benefici per la salute, tra i quali: miglioramento del metabolismo lipidico, prevenzione delle malattie cardiovascolari e riduzione della risposta infiammatoria. Inoltre, è stato osservato che  gli omega-3 riducono i livelli di grassi negli animali che sono stati alimentati attraverso una dieta ricca di grassi.
Studi precedenti, effettuati su animali, hanno trovato che simili squilibri nella quantità  di acidi grassi assunti durante la dieta, favoriscono lo sviluppo del tessuto adiposo. Gli autori notano tuttavia che sono ancora esigui gli studi relativi agli effetti  prodotti nella popolazione.

A cura del Dott. Marco Temporin, Medico Chirurgo, Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud