W le donne tutto l’anno!

postato da web il 14.03.2017
14

Alla donna “moderna” è spesso richiesto di essere multitasking, con l’obbligo di riuscire a conciliare la vita famigliare con i tempi e le esigenze lavorative ma purtroppo in alcuni settori questo ancora non e’ possibile a causa ad, esempio, di oggettiva inconciliabilità tra orari di lavoro ed esigenze famigliari.
Esistono, fortunatamente, anche esempi in cui il ruolo femminile è, non solo valorizzato al massimo, ma diviene anche determinante ed è assolutamente possibile conciliare al meglio impegno professionale e gestione della famiglia.

Uno di questi è rappresentato da una multinazionale famosa per un robot da cucina, che è possibile acquistare solo a domicilio che, fino a qualche tempo fa, esigeva che tale elettrodomestico fosse venduto esclusivamente da donne perché l’allora direttore generale, peraltro un uomo, era convinto che solo una donna sapesse organizzare e gestire contemporaneamente lavoro e famiglia.

Ma, purtroppo, la famiglia non è sempre un “caldo rifugio” per le donne che, sempre più spesso, proprio all’interno di essa vivono e subiscono, nel silenzio e nella solitudine più assolute, la disperazione per i soprusi e le violenze di compagni e mariti che, nei casi estremi, arrivano a diventare i loro carnefici.

Per fortuna, come raggi di sole che squarciano cupe nubi, a fianco di queste sfortunate donne ci sono le tante associazioni di volontariato che sistematicamente, con infinito impegno, grande perseveranza e altissima professionalità, si fanno promotrici di tante iniziative che culminano nella giornata della festa delle donne.

Le donne, però, devono trovare il coraggio di ribellarsi e di reagire anche se questo significa denunciare il proprio marito o il proprio compagno. Devono, soprattutto, convincersi che non è vero che “…è tutto inutile…non cambierà nulla…”, perché non è così!

E’ necessario non perdere mai la speranza e convincersi che le cose, anche le peggiori, si possono cambiare, ma è necessario crederci e non mollare mai!

Gli esempi positivi, in tal senso, sono sempre più numerosi e, tra i tanti, voglio ricordare il progetto “Questo non è amore”, nato e fortemente voluto dalla Polizia di Stato per sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della violenza di genere ed accogliere ed aiutare le persone vittime di questi comportamenti.
Per cui…W la donna ma tutto l’anno!

A cura di Ines Seletti

Multitasking, che gran divertimento!

postato da Nicoletta Carbone il 06.03.2012
06


La vita moderna offre una serie illimitata di possibilità e, nonostante le tecnologie ci consentono di risparmiare tempo e di accelerare i tempi, in realtà di tempo ne abbiamo sempre meno. Da una ricerca svolta dall’Università della California risulta che ci si sofferma su un compito per circa 3-5 minuti e, nell’arco della giornata, si svolgono circa 10 diversi tipi di lavori. Si è rilevato che le persone sono propense a svolgere più lavori contemporaneamente perché lo trovano stimolante ed evita di annoiarsi. 

Cos’è il multitasking?                                       

È la capacità di svolgere più compiti simultaneamente: ad esempio, andare in bicicletta e conversare con un amico, guidare l’auto e parlare col passeggero; parlare al telefono e girare la minestra ecc. Possono diventare anche tre o più attività, se per esempio aggiungiamo la masticazione di un chewngum e il battere il piede a ritmo di musica. A ben vedere, le attività che ho citato non richiedono la stessa quantità di impegno, ma differiscono in quanto un compito richiede attenzione mentre l’altro è automatico (pedalare, guidare, girare la minestra). In queste condizioni è possibile fare più cose insieme, ma se il secondo compito richiede la stessa quota di attenzione dell’altro, allora una delle due azioni ne farà le spese.
Infatti, l’attenzione è una risorsa limitata che può essere dedicata a un compito per volta e per periodi limitati di tempo. Il regista di questa preziosa facoltà è il sistema attentivo supervisore, posizionato nel lobo frontale, che decide di volta in volta come distribuire le poste attentive (goal shifting: dare priorità ad un obiettivo). Questi passaggi da un compito all’altro non sono semplici e veloci e dipendono dalla complessità del nuovo obiettivo.
L’accuratezza delle nozioni apprese in questa modalità è simile a quelle apprese quando facciamo una  cosa per volta. Tuttavia, cambia la qualità del recupero dell’informazione, in quanto sono coinvolte aree cerebrali differenti. Nel primo caso, quello della sequenzialità dei compiti, l’informazione viene depositata nell’ippocampo, che conserva le memorie dichiarative, quelle che si possono richiamare e utilizzare in contesti differenti, facilitando la flessibilità mentale. Nel caso del lavoro in parallelo, le informazioni vengono depositate nello “striato”, una struttura sottocorticale depositaria della memoria procedurale, implicita, difficilmente disponibile per essere ripresa ed impiegata in situazioni diverse.

Come sviluppare il multitasking?

Esercizio per il multitasking: si disponga davanti a sé un cellulare, un pc, una rivista, un giornale, un foglio di carta e una radio. Puntare un timer in modo che suoni ogni 2 minuti. Ogni volta che suona, cambiate subito attività (leggere o scrivere sms, sfogliare la rivista/giornale e leggere un articolo, fare calcoli sul foglio di carta e navigare su internet, ascoltare le parole udite alla radio). Al termine, verificate l’apprendimento cercando di ricordare cosa avete appreso da ciascuna fonte. Man mano che diventate più abili nel passare da un compito all’altro e nel ricordare le varie informazioni che state apprendendo dalle diverse fonti, riducete il tempo disponibile per ciascuna attività, ad esempio puntate il timer a 90 secondi, poi a 75 e così via.

A cura di Giuseppe Alfredo Iannoccari, Presidente Assomensana

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud