Il trucco per battere il gonfiore addominale: masticare lentamente

postato da Nicoletta Carbone il 02.10.2013
02

Chi soffre spesso di gonfiore addominale, talvolta accompagnato da dolori, può trovare aiuto in un cambio alimentare. Ogni alimento ha infatti i suoi aspetti positivi per cui prima di arrabbiarsi con il cibo si può iniziare a fare qualche scelta tattica. La prima è capire quanto si mastichi: senza questa funzione i cibi arrivano all’intestino in condizioni che impediscono poi il lavoro degli altri enzimi digestivi. Non serve mettersi a contare fino a 200 quando si mangia, ma è importante gustare il proprio cibo e assaporarlo fino in fondo. Poi è importante che per qualche giorno si provi a usare la frutta lontano dai pasti, a metà mattina e metà pomeriggio ad esempio, e che prima di iniziare qualunque pasto si utilizzi una piccola quantità di sostanza vegetale, come un morso di sedano, un pezzettino di carota, un pezzettino di finocchio o altro ancora.  Un po’ di maggiore varietà sui cereali (non sempre pasta o pane, inserisci come sostituzione del riso, del mais, delle patate bollite) può aiutare a controllare un’eventuale reazione nei loro confronti. Ricordando che il tè alla menta è usato dalle popolazioni arabe da centinaia di anni per favorire la digestione e che la nostra saggezza occidentale potrebbe suggerire di integrare la menta con qualche tisana (anche fredda) di semi di finocchio o di anice. Sempre alla portata di tutti l’uso degli enzimi digestivi che per un breve periodo possono aiutare a semplificare la vita.

A cura del Dott. Attilio Speciani

La Gluten sensitivity

postato da Nicoletta Carbone il 04.07.2013
04

Può capitare improvvisamente di soffrire di forte meteorismo e gonfiore dopo l’assunzione di pasta e pizza. Una delle possibili condizioni che portano a questo disturbo è la comparsa di una intolleranza al glutine senza che questo rappresenti una condizione di tipo celiaco.

La “Gluten sensitivity”, questo il nome del disturbo, è legata a una reazione infiammatoria dovuta al contatto intestinale con il glutine, i cui sintomi possono essere gli stessi della celiachia ma che può invece guarire con una semplice dieta di rotazione, che consenta cioè dei giorni di controllo alimentare sul glutine a giorni invece di libertà alimentare. Ci sono anche alcune altre possibilità, dovute ad esempio al fatto che sia un po’ alterata la digestione. Se ad esempio il tuo pancreas sta facendo un po’ “fatica” o i succhi biliari non sono “al 100%” può succedere che la pasta o la pizza che vengono mangiate restino in parte non–digerite,  scatenando gonfiori e reazioni nell’area intestinale in cui dovrebbero passare solo se perfettamente elaborati dagli enzimi digestivi. Lo stesso problema si pone quando si mangia quasi quasi senza masticare oppure prendendo dei farmaci che bloccano la secrezione gastrica (i cosiddetti “protettori gastrici”). In quel caso l’utilizzo di alcuni enzimi digestivi (oltre alla masticazione) potrebbe aiutare la guarigione consentendo al materiale gastrico di non provocare più risposte di gonfiore o di reazione a livello dell’intestino.

A cura del Dott. Attilio Speciani, Specialista in Allergologia e Immunologia clinica

Gonfiori e posate…

postato da Nicoletta Carbone il 10.10.2011
10

Il problema del gonfiore addominale e della difficoltà digestiva è spesso dovuto a posate che non vengono posate… Anche per chi vive una vita piena e ricca, è indispensabile un tempo davvero dedicato ai pasti. In persone impegnate si percepisce talvolta che la prima colazione è “inghiottita”, il pranzo è “al computer” e la cena, quasi sempre di lavoro, è “distratta”. Bisogna invece iniziare a masticare il proprio nutrimento, ricordando che la posata va “posata” sul tavolo tra un boccone e l’altro, e iniziando ad assaporare il gusto dei propri piatti. Dedicando un tempo vero ai tre pasti ci si accorge in breve che il meteorismo e la reazione alimentare alle sostanze fermentate si riducono consentendo di trovare più energia sia per lavorare che per godersi il tempo a disposizione.

A cura del Dott. Attilio Speciani, specialista in Allergologia e Immunologia clinica.

Piedi gonfi e calura

postato da Nicoletta Carbone il 27.07.2011
27

C’è un sole meraviglioso, e alcune giornate sono molto calde per cui a volte di giorno, nei sandali il piede assume l’aspetto di “salsiccia” e alla sera le caviglie sono gonfie come un palloncino. L’uso del sale va evidentemente ridotto, ma molti cibi contengono sale in modo “inapparente”. Pane, crackers, grissini, prosciutto, tonno in scatola, tutti i tipi di formaggi, biscotti e brioche contengono molto sale e vanno evitati o utilizzati solo nelle ore serali, quando fa un po’ più fresco. È meglio lasciare la pizza, il prosciutto e la caprese per la cena, quando di solito possono anche rilassare di più le gambe, e al mattino mangiare solo cereali, frutta, caffè o the, e latte o latte di soia. A pranzo insalata o verdura, pasta o riso (ma senza formaggio) e pesce o carne o uova, e al posto di pane o crackers si possono usare verdure, riso integrale bollito o patate lessate.

A cura del Dott. Attilio Speciani, specialista in Allergologia e Immunologia clinica.

Le 7 regole d’oro per ridurre il gonfiore alla pancia

postato da Nicoletta Carbone il 18.07.2011
18


1. Fai pasti regolari
2. Mangia in un ambiente rilassante
3. Mastica lentamente
4. Bevi acqua naturale preferibilmente lontano dai pasti
5. Riduci caffè, alcolici, bibite e acqua gassata
6. Smetti di fumare o almeno se non ce la fai riduci il numero di sigarette
7. Fai regolarmente attività fisica

A cura del Dott. Marco Temporin, Medico Chirurgo, Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

Aiuto, mi ha punto una vespa!

postato da Nicoletta Carbone il 21.06.2011
21

La reazione alla puntura di una vespa varia a seconda della quantità di veleno iniettata e in base alla sensibilità della persona colpita. Di solito compaiono prurito e rossore nella zona colpita e solo nei casi di ipersensibilità si possono verificare reazioni allergiche. Dopo una puntura occorre pulire accuratamente l’area interessata con acqua e sapone e disinfettarla. Per diminuire il dolore sono utili impacchi di acqua fredda e l’applicazione di una crema cortisonica acquistabile in farmacia. Se il gonfiore si estende in atre zone bisogna rivolgersi al Pronto Soccorso.

A cura del Prof. Antonino Di Pietro, Direttore del Servizio di Dermatologia dell’Ospedale di Inzago (MI)

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud