I denti del giudizio

postato da Nicoletta Carbone il 16.03.2015
16

I denti del giudizio sono di fatto i nostri “denti di scorta”, e la loro comparsa in bocca avviene in età adulta per compensare le abrasioni degli altri denti o la loro perdita. Dal momento che oggi manteniamo una dentatura integra per molti decenni , gli “ottavi” (i dentisti li chiamano così) spesso non trovano sufficiente spazio per erompere. Rimangono quindi semisommersi nella gengiva, o inclinati in posizione difficile da detergere e con la possibilità che si determinino carie, compressione dei tessuti molli (pericolosa soprattutto se associate al fumo e al consumo di superalcolici) e precontatti dentali.  A meno che i denti del giudizio non siano perfettamente allineati nell’arcata, situazione non frequente, conviene quindi considerarne l’estrazione, tenendo presente che proprio a causa della loro conformazione e posizione possono richiedere un approccio chirurgico indaginoso.
ancora:
Statisticamente il 100% dei denti del giudizio, se malposizionati, nel corso della vita del paziente darà origine ad un problema, che può essere di moderata entità o, in certi casi, anche grave.
Gli “ottavi” ben allineati, in assenza di una tasca gengivale dietro gli inferiori e in presenza di un’ottima igiene orale, possono rimanere al loro posto per tutta la vita. Se però la mucosa della guancia viene “pizzicata” fra i denti e si irrita o diventa spessa e biancastra, allora di nuovo è indicata l’estrazione, specialmente se il paziente assume alcoolici o fuma (rischio precancerosi). Quindi ci sono molte buone ragioni per estrarli, ma essendo un intervento invasivo e non privo di complicanze, bisogna essere certi che sia davvero necessario, cioè non sempre!
Il fatto che i denti del giudizio non diano fastidio, non implica necessariamente che vada tutto bene: daranno fastidio nel momento meno opportuno!
In aggiunta, direi che la prima cosa da fare è chiedere un parere al dentista che, probabilmente, chiederà di eseguire una radiografia panoramica: è un esame con il quale si possono vedere , oltre ai denti, anche le basi ossee in cui sono inseriti, compresi i denti del giudizio ancora inclusi, cioè nascosti sotto la gengiva. A seconda dello spazio che ha a disposizione il dente nell’arcata, per erompere, e della complessità dell’eventuale estrazione, valuteranno insieme la scelta più adatta per il paziente, ma no c’è una regola valida per tutti.
Infine, i denti del giudizio possono spuntare ad ogni età, cominciando dall’età adulta (sono i denti “di scorta”), ma possono comparire anche in età avanzata, magari dopo che si sono persi i denti accanto, se questi ultimi ne ostacolavano l’eruzione.
Negli adolescenti si possono estrarre quando sono ancora in germe e non hanno le radici, con un piccolo intervento in anestesia locale, invasivo, ma meno di quanto sarebbe l’estrazione di un dente incluso completo di radici.

A cura di Alessandro Nanussi, odontostomatologo

Chi è senza peccato scagli la prima pietra

postato da Nicoletta Carbone il 14.05.2012
14

In questi giorni riflettevo sull’abitudine tutta umana di giudicare… Lo so è una funzione della nostra mente, il cervello non può farne a meno. Nel mio lavoro mi hanno insegnato, e non in modo piacevole, ad accettare tutti i feed back, tutte le critiche come se fossero vere. Anche se sono assurde. Se le prendi per vere anche per pochi minuti ti aiutano a crescere.

Io vedo molte persone che criticano e basta.
Spesso criticano altre persone senza conoscerle, senza avere competenze, senza aver meriti per farlo. Sembra che ci sia una specie di regola, meno risultati la persona ha raggiunto in una determinata cosa e più critica chi li raggiunge… Un po’ troppo facile criticare direi.
L’ho fatto anche io lo ammetto, e probabilmente lo rifarò. Sono umano e quindi imperfetto. Spero di ricordarmi, tutte le volte che lo farò, che non serve a nulla, anzi mi qualifica come una persona poco furba per non dire altro.

Quando qualcuno criticherà te accogli la critica e fai finta che sia vera. Così per crescere. Fatto questo chiediti:

  • La persona ha le competenze per criticarmi? È un esperto in materia? Ha avuto risultati migliori dei miei?
  • Mi critica per farmi crescere? Perché mi vuole bene? O per altre ragioni meno nobili?
  • Mi conosce o conosce la situazione per poter criticare?

Siamo tutti un po’ troppo pronti per dire agli altri cosa e come dovrebbero comportarsi, quando c’è da fare invece vedo meno preparazione. In momenti difficili come questi la generosità della critica è all’ordine del giorno.
I nostri così detti “leaders” danno un esempio sconfortante. Dicono agli altri di fare cose che non fanno. Noi da buoni sudditi, seguiamo l’esempio…

E quindi cosa fare?
Io non posso scagliare la prima pietra. Nemmeno la seconda. Mi limito a invitarti a prestare meno l’orecchio alle critiche di chi dovrebbe stare zitto.
Poi magari tutti insieme critichiamo meno e facciamo un po’ di più. Chissà che troviamo in modo di migliorare la situazione.

A cura di Claudio Belotti, coach

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud