L’importanza della fibra

postato da Nicoletta Carbone il 05.07.2012
05

Una ricerca recente ha confermato l’importanza di un’alimentazione ricca di fibra. Per esempio le donne che consumano più fibra hanno una riduzione del 24% del rischio di infarto. Nei maschi si è osservata una riduzione del 31% del rischio di ictus. Inoltre molti studi hanno confermato l’effetto benefico della fibra sul tratto gastrointestinale. Frutta e verdura sono particolarmente ricchi di fibra solubile che aiuta anche a ridurre l’assorbimento di grassi e zuccheri. I cereali integrali invece apportano elevate quantità di fibra insolubile utile per la pulizia dell’intestino. Insomma le fibre che possono sembrare solo scorie è invece di vitale importanza per il nostro corpo.

A cura del Dott. Filippo Ongaro

Fibre

postato da Nicoletta Carbone il 14.02.2012
14

Fibre amiche della nostra salute.

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Fibra amica dell’intestino

postato da Nicoletta Carbone il 03.02.2012
03


Tutti sanno che l’assunzione di fibra migliora la funzionalità dell’intestino. Ma è solo uno dei tanti benefici che la fibra alimentare è in grado di dare. Il consumo di fibra è stato correlato ad una riduzione del colesterolo, della glicemia e del rischio cardiovascolare, dell’incidenza di malattie gastrointestinali e perfino di alcune forme di tumore. La fibra può essere suddivisa in insolubile, quella presente in particolare nei cereali integrali e nei legumi, e solubile, tipica invece della frutta e della verdura. La versione insolubile, mescolandosi all’acqua, è particolarmente utile per aumentare la massa delle feci e migliorare la funzionalità intestinale. Per le tantissime persone che soffrono di stitichezza, può davvero fare la differenza ma è necessario fare attenzione a consumare adeguate quantità di acqua. Migliorare la funzionalità intestinale significa anche liberarsi meglio e più in fretta di alcune tossine che, se permangono a lungo nell’intestino, possono essere riassorbite e rimanere nel nostro corpo. La fibra solubile invece è importante per ridurre l’assorbimento di grassi e zuccheri e per migliorare la regolazione metabolica. Inoltre contribuisce a ridurre la pressione arteriosa e l’infiammazione. Alcuni studi hanno dimostrato una riduzione significativa del rischio di morte per malattie cardiovascolari, infezioni, malattie respiratorie e tumori nelle persone che consumano elevati quantità di fibra alimentare. Diete ricche di verdure, frutta e cereali integrali riducono il rischio di tumori del colon. La fibra è anche fondamentale per perdere peso perché rallenta e riduce l’introito di alimenti. Pensate alla differenza tra mangiare marmellata e un frutto intero: nel primo caso potete mangiarne dosi enormi, mentre con il frutto sarete rapidamente sazi. Questa differenza la fa proprio la fibra. La dose di fibra da assumere è di circa 25 grammi al giorno per le donne e 40 per gli uomini. Per dare un’idea una pera ne contiene solo 6 grammi e quindi è importante usare regolarmente anche cereali integrali e legumi per arrivare alla quantità sufficiente. Come fare? Semplicemente scegliendo le versioni al 100% integrali di pasta, pane, riso e cereali da colazione, aumentando le verdure e la frutta e introducendo con regolarità i legumi. Attenti però ad aumentare le dosi gradualmente per non avere mal di pancia!

A cura del Dott. Filippo Ongaro, Vice-Presidente AMIA

Grano saraceno

postato da Nicoletta Carbone il 20.09.2011
20

Il grano saraceno è consumato soprattutto nelle zone montane dell’Italia settentrionale. Avrete sicuramente già sentito parlare della classica polenta taragna o dei pizzoccheri della Valtellina, due piatti poco adatti per la stagione calda. I chicchi di grano saraceno, invece, si prestano per essere gustati anche in estate. Cuociono in soli 20 minuti, sono aromatici e ricchi di flavonoidi, preziose sostante con un potente effetto antiossidante e antinvecchiamento. Abbinateli a verdure di stagione, cotte o crude, formaggi freschi, pesce al cartoccio o frittate cotte in forno. Nei negozi di alimenti naturali trovate cracker, grissini e biscotti preparati con farina di grano saraceno macinata a pietra. Provateli! Sono deliziosi, ricchi di fibre, poveri di grassi e facilmente digeribili.

A cura della Dott.ssa Paola Reverso, medico nutrizionista e presidente dell’associazione “Il me + te”

Le ciliegie

postato da Nicoletta Carbone il 30.05.2011
30

Le ciliegie sono dei piccoli frutti dalla forma rotonda, dal sapore dolce e dai colori svariati. La ciliegia è ricca di flavonoidi utili contro i radicali liberi. Risulta essere molto dissetante. E’ Inoltre contiene buone quantità di fibre, potassio, calcio, fosforo e vitamine A e vitamina C. Il frutto fresco, consumato a digiuno serve a depurare l’organismo, ottimo in caso di stipsi. Grazie all’equilibrio tra acidi e sali minerali,  ad esempio l’acido malico, favorisce la digestione degli zuccheri e l’attività del fegato. La sua polpa è un rivitalizzante della pelle del viso e si può usare per questo scopo o sottoforma di maschera o seguendo per un periodo una cura alimentare con questo frutto. E’ anche molto conosciuta la “cura della ciliegia” che viene proposta per lenire disturbi articolari dovuti ad un eccesso di acido urico (gotta). La ciliegia è anche un ottimo tonico, diuretico, lassativo e ha un ruolo anticarie grazie ad alcuni elementi presenti nella buccia. Ma non viene usato solo il frutto,  i peduncoli dei frutti fatti essiccare, vengono usati come decotto drenante. La ciliegia oltre ad essere mangiata fresca, è molto utilizzata anche in cucina come base per marmellate, come decorazione di torte, ma anche per accompagnare cibi salati. Inoltre le ciliegie sono utilizzate per produrre un vino aromatizzato che si accompagna benissimo con i dolci al cioccolato; o si possono mettere sotto spirito, ma per i più golosi, basta tuffarle nel cioccolato fondente fuso.

A cura del Dott. Marco Temporin, Medico Chirurgo, Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

Le carote

postato da Nicoletta Carbone il 28.04.2011
28


Se amate le carote crude grattugiate, provate a servirle al termine del pasto con fettine di mela verde biologica (non sbucciata), granella di nocciole, uvetta essiccata naturalmente, zenzero e cannella in polvere e miele artigianale d’acacia. Avrete così un insolito dessert ricco di fibre e di antiossidanti, povero di zuccheri, privo di grassi saturi e molto piacevole.

A cura della Dott.ssa Paola Reverso, medico nutrizionista e presidente dell’associazione “Il me + te”.

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud