Attenzione alla pelle grassa

postato da Nicoletta Carbone il 28.11.2012
28

Questa situazione è frequente: una donna, tra i 35 e i 45 anni,  constata la comparsa di rughe e rughette, nota un progressivo “cedimento” dei contorni del viso, si accorge della presenza di borse e pieghe attorno agli occhi.

Scopre, in pratica, sul suo viso, l’avanzarsi degli anni.

Allora, indiscriminatamente, e indipendentemente dal suo tipo di pelle, inizia ad applicare generici prodotti antirughe ed antietà.

Molto spesso tale operazione è frustrante, perché la donna scopre che non solo la nuova e improvvisa cura di sé non porta ad alcun risultato, ma peggiora nettamente la situazione . Le rughe non passano, e la pelle appare più spenta, più opaca, più “pesante”.

Questo  il tipico caso della pelle grassa. La donna, mal guidata e male informata, non sa che la pelle  si cura in base a come è e a come si presenta, non in base alla data di nascita.  Chi ha pelle grassa non deve mai applicare cosmetici oleosi troppo nutrienti. La pelle ne soffre, non migliora e diviene asfittica. I pori si dilatano sempre più, e le zone seborroiche per eccellenza, cioè fronte, naso e mento, diventano ancora più lucide, untuose, cosparse di punti bianchi e neri.

Come riconoscere la pelle grassa (e la pelle grassa può essere presente anche in premenopausa e in menopausa)? Dalla presenza, appunto, di aree lucide nella zona “T” del volto (fronte, naso, mento);dalla presenza di pori dilatati, dallo spessore cutaneo e dalla intolleranza per qualsiasi cosmetico grasso, che rende la cute lucida ed untuosa.

Allora è vero che la pelle grassa invecchia meno, e non ha bisogno di nessun cosmetico?

No. La pelle grassa può essere molto sensibile, ed ha bisogno di cosmetici particolari. Non per questo meno “nutrienti”. Necessita di una buona detersione mattino e sera (non di una detersione approssimativa, con “gommage” ogni tanto per asportare le cellule “morte”"!). Ideale, per questo tipo di pelle, anche se la mancanza di abitudine lo rende ostico all’inizio, è il sapone formulato appositamente per il viso. Come base per il trucco, e come preparato da notte, sono validissimi i sieri, i liquidi, i gel oil free a base di  acido ialuronico, di lisati proteici, o di  liposomi che agiscono da ‘carrier’ di sostanze funzionali in assenza di un eccesso di olii, inoltre vitamina C, di vitamina A, vitamina B5 e B8 (o biotina).

Utili, ma da usare preferibilmente dietro una guida specialistica, l’acido glicolico (un acido organico) in concentrazioni variabili tra l’8 e il 20%, l’acido retinoico, l’acido salicilico. Inutile, come sempre, eccedere.

A cura della Dott.ssa Riccarda Serri, Specialista in Dermatologia

Kiwi, un grande alleato della pelle

postato da Nicoletta Carbone il 19.10.2012
19

Il kiwi è un vero toccasana per la cute, in particolar modo nelle situazioni in cui freddo e smog si fanno sentire. La sua più grande ricchezza è rappresentata dall’abbondante contenuto di vitamina C – ben 85 milligrammi ogni 100 grammi di frutto – elemento che svolge un ruolo importantissimo nella produzione di collagene, la struttura di sostegno principale della pelle.

A cura di Antonino Di Pietro, Direttore del Servizio di Dermatologia dell’Ospedale di Inzago (MI)

Lavare il viso col sapone è dannoso?

postato da Nicoletta Carbone il 24.09.2012
24

No: è uno dei luoghi comuni più frequenti. Una buona saponetta saponificata Marsiglia (che non è, quindi, il sapone da bucato, ma il sapone di Marsiglia da toeletta), non ha proprio mai devastato la cute di nessuno. Da molte parti si legge che il sapone è alcalinizzante (pH alto), ma la nostra pelle ha uno straordinario potere, che si chiama “potere tampone”, e che fa si che nel giro di 30 minuti il pH di una pelle sana si riequilibra da solo. Talvolta è molto meno irritante e aggressivo il periodo temporaneo di alcalinizzazione dato dal sapone, rispetto all’aggressività delle molecole di tensioattivi di sintesi, presenti in certi saponi liquidi, tensioattivi che vanno a “sciogliere” il cemento lipidico che tiene compattate tra loro le cellule dell’epidermide. Per cui chi volesse usare il sapone lo può tranquillamente usare, anche per il viso, purchè sia un sapone di Marsiglia da Toeletta, fatto con grassi nobili e olii vegetali, o sapone di Aleppo. Il sapone può anche essere usato dopo un latte detergente (struccarsi col latte, o con un’acqua micellare, quindi togliere il tutto con acqua e sapone, infine sciacquarsi bene con acqua e pannetto di microfibra per viso).

A cura della Dott.ssa Riccarda Serri, Specialista in Dermatologia, Presidente SKINECO – Associazione Internazionale di Dermatologia Ecologica

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud