Parlare per capirsi nella coppia, specie d’estate, sui temi scottanti: decisioni, sessualità, soldi, tempo, amici

postato da Nicoletta Carbone il 16.07.2014
16

Durante l’anno le incombenze quotidiane proteggono in parte da alcuni conflitti. Ma d’estate spesso si rischia di cadere in trappole psicologiche e comunicative che possono diventare molto problematiche. Su che cosa si litiga nella coppia? Sostanzialmente su cinque categorie (più due, che sono i figli e le famiglie di origine, ma questi due temi meritano un discorso a parte): per ciascuna proviamo a dare qualche suggerimento che possa aiutare, in generale e soprattutto d’estate.

1) Decisioni. Alcune coppie litigano sulle decisioni da prendere, anche se alcune persone hanno difficoltà comunque a decidere, di qualsiasi cosa si tratti. Se abbiamo una personale difficoltà a decidere, in qualsiasi campo, proviamo a dichiarare il nostro limite e anche ad auto-forzarci in maniera morbida e gentile verso noi stessi e verso il partner. Cerchiamo inoltre di negoziare con l’altro con un approccio “senza perdenti”, che miri a contemperare le esigenze e i desideri di ciascuno, a legittimarle e a trovare un compromesso accettabile in cui ognuno rinunci a qualcosa per un vantaggio di coppia.
2) Sessualità. Le modalità, l’intensità, la frequenza, la durata e la qualità dei rapporti sessuali possono essere molto diverse nelle preferenze di ciascuno; e il caldo, il maggior tempo a disposizione e l’esposizione corporea sulle spiagge (sia dei propri corpi che di quelli degli altri) possono acutizzare le preferenze. Anche in questo caso possiamo legittimare le differenze e quando c’è una difficoltà specifica possiamo dichiararla. Attenzione ad esprimere i propri desideri in maniera consapevole del fatto che l’altro è diverso da noi. Attenzione anche al fatto che è difficile per alcuni raccontare le proprie emozioni sessuali. Diamo ascolto sereno all’altro e chiediamolo per noi stessi.
3) Soldi. A volte è difficile discutere in maniera tranquilla delle scelte economiche, perché per qualcuno il solo pensare al denaro già è fonte di allarme e di ansia. Mentre per qualcun altro qualsiasi idea di spesa va esclusa a priori. Possiamo provare a diventare consapevoli del nostro rapporto con il denaro, e di quello del nostro partner con il denaro, descrivendo in una sola pagina per iscritto i nostri sentimenti, e chiedendo all’altro di fare lo stesso. Confrontando le due modalità scritte, forse sarà più facile arrivare ad una negoziazione di successo. Inoltre anche le spese specifiche estive vanno commisurate alla situazione generale: possiamo divertirci anche spendendo di meno se siamo in armonia; possiamo spendere anche qualcosa in più se ci accorgiamo di essere più avari di quanto pensassimo.
4) Tempo. Anche in questo settore le differenze individuali sono notevoli, ma spesso non se ne è consapevoli perché si dà per scontato che l’altro sia come noi, e che le nostre preferenze siano giuste per tutti, cosa non vera. Dichiarare esplicitamente le proprie preferenze, in ordine di importanza soggettiva, e invitare l’altro a fare sinceramente lo stesso, potrebbe consentire di accordarsi su un’attività che magari non è al primo posto tra le preferenze, ma che fa anche parte delle preferenze dell’altro. A maggior ragione questo vale per il tempo di vacanza, in cui si sommano tutti i temi problematici: decisioni, sessualità, soldi, figli e famiglie.
5) Amici. Anche i rapporti sociali, per intensità, frequenza e durata degli incontri, e per la qualità delle persone scelte, rappresentano una difficile area problematica per la coppia: alcune gelosie, più o meno nascoste; una diversa sociabilità nelle due persone; una serie di antipatie sistematiche e talvolta l’iper-socialità di alcuni e la fobia sociale di altri rendono complessa questa area. Gli amici servono, ma la loro qualità e quantità è da concordare sistematicamente, e da revisionare nel tempo.
Un libro per saperne di più: a cura di Francesco Aquilar, Parlare per capirsi, Edizioni Franco Angeli.
A cura del Dott. Francesco Aquilar, psicologo e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale a Napoli

Dimmi con chi vai

postato da Nicoletta Carbone il 26.07.2012
26

È un argomento trito e ritrito ma lasciamene parlare ancora per una volta (e prometto che non sarà l’ultima!). Capita di arrivare in un punto della tua vita, magari uno di quei compleanni con lo zero, nel quali ti chiedi “come sono arrivato qui?”.

Ricordo una bellissima canzone dei Talking Heads, dove succede questo.

Concordiamo sul fatto che non puoi sempre fare quello che vuoi, ma come può capitare di prendere una strada che ti porta dove non vuoi essere?

Sicuramente il primo fattore sono le decisioni che prendi. Non solo quelle importanti come che lavoro fare, dove vivere, cosa studiare… ma anche quelle piccole, quelle di tutti i giorni come cosa mangiare, leggere, guardare…

Poi c’è una delle più importanti, con chi passo il mio tempo? Cioè i momenti della mia vita?

Il grande Jim Rohn diceva di porsi tre domande:

1) “Con chi vado in giro?”. Hai avuto modo di valutare tutti coloro che ti influenzano in qualche modo?

2) “Cosa fanno queste associazioni per me?”. E’ una domanda importante da porsi. “Che cosa mi hanno fatto fare, ascoltare, leggere, pensare e sentire?”. Devi fare una considerazione seria di come gli altri ti influenzano.

3) “Vanno bene?”. Forse hai solo “associazioni” (come le chiamava lui) positive, o forse no. L’idea è di valutarle, sono cose importanti!

Fatto questo, consigliava di agire, in funzione delle risposte che ti sei dato e di come vuoi che la tua vita sia.

Ecco i suoi consigli:

1) Dissociati. Questa è una decisione difficile, da prendere quando necessario, ma in alcuni casi può essere essenziale. A volte l’unico modo per non lasciarsi influenzare negativamente da alcune persone è non frequentarle proprio.

2) Limita il tempo che passi con loro. Non sempre possiamo tagliare il rapporto. A volte queste persone fanno parte della nostra famiglia, o siamo “obbligati” a vederle per lavoro o altro. In questi casi meglio vederle lo stretto necessario. Meno le vediamo meno ci influenzeranno.

3) Allarga il giro di persone che frequenti. Questa è la scelta più efficace. Più persone straordinarie conosci e frequenti, e più stimoli avrai.

Il gruppo dei pari è un concetto noto, conosciuto, di cui parliamo in tantissimi. Nonostante questo ci sono poche persone che prendono la briga di frequentare chi può rendere la loro vita migliore. Spesso per pigrizia, altre volte perché ci sia affida al caso, altre perché si ha paura di perdere, invece di pensare a cosa si “guadagna”.

Molti sanno che la mia vita è cambiata grazie alle persone che ho conosciuto ai corsi di formazione. Ho incontrato: amici, maestri, mentori… Uno di questi amici è ora mio cognato. Sì, mi sono innamorato perdutamente di sua sorella e venerdì scorso abbiamo festeggiato i nostri primi dieci anni di matrimonio…

Se fossi rimasto nel mio quartiere, nel mio palazzo, nel mio stagno, avrei fatto meno fatica. Conoscevo i fondali, l’acqua non aveva sbalzi di temperatura e conoscevo anche tutti i pesci.

Non ho proprio tutto quello che voglio, ma ho tanto, tantissimo…

Molto è merito delle persone che mi circondano, con il loro esempio e insegnamento mi hanno fatto capire e mi hanno mostrato cose che non conoscevo.

Creati tu un gruppo di persone con cui crescere. Ce ne sono tantissime. Basta cercarle.

A cura del Dott. Belotti

Memorizzare il nome delle nuove amicizie

postato da Nicoletta Carbone il 30.01.2012
30


Quando ci presentiamo ad una persona lasciamo che sia lei a dire per prima il nome e noi, a seguire, ci presentiamo  dicendo, ad esempio “Salve Maria, io sono Mario”. Cerchiamo subito di fare un’associazione di quel nome con una nostra conoscenza con lo stesso nome. Possiamo cercare il nome tra i familiari, amici e parenti o nel mondo dello spettacolo o della storia. Poi, nel corso della conversazione, guardiamo in faccia il nostro interlocutore e cerchiamo l’occasione per ripetere almeno due volte il suo nome. Ciò, oltre a far piacere alla nostra nuova conoscenza, ci consentirà di memorizzarlo meglio. Al momento del saluto, congediamoci con un “Arrivederci Maria”.      

A cura di Giuseppe Alfredo Iannoccari, Presidente Assomensana

Amicizia

postato da Nicoletta Carbone il 30.11.2011
30

Gli amici sono una parte integrante della nostra vita, e rappresentano una delle condizioni principali grazie alle quali si possono provare intense e significative emozioni: gioia, allegria, condivisione, confronto, ma anche invidia, gelosia, rabbia, senso di tradimento, delusione. A volte, un fatto che è successo non diventa vero fino a quando non ne parlo con un amico: è allora che l’evento si consolida, che diventa davvero reale, che ne capisco i significati fino in fondo. Negli ultimi anni, inoltre, la presenza di Internet ed in particolare delle chat e dei social network come Facebook stanno modificando notevolmente le strutture dell’amicizia, ma non i processi implicati.

Possiamo cominciare un esercizio sull’amicizia ponendoci alcune domande su noi stessi: come diventiamo amici? Come siamo diventati intimi nell’amicizia? Come abbiamo mantenuto l’amicizia nel tempo? Che differenze abbiamo notato tra l’amicizia maschile e quella femminile? Come l’amicizia talvolta si è dissolta o deteriorata nel tempo? Come abbiamo messo fine alle amicizie che non apparivano più interessanti? Come abbiamo trasformato le nostre amicizie nel tempo, adeguandole allo sviluppo di ciascuno? Le risposte a queste domande ci aiutano a fare una storia del nostro modo di fare e di gestire l’amicizia. E poi ancora: siamo soddisfatti degli amici che abbiamo? Al momento, abbiamo degli amici che ci piacciono davvero? E soprattutto, abbiamo dei “veri amici”?

Forse potremmo scoprire che magari, rispetto al passato, abbiamo perso un po’ di smalto; che forse ci manca un contesto adeguato, come quello della scuola, in cui lasciar crescere l’amicizia mentre si è impegnati a lavorare fianco a fianco in un altro compito, così che l’amicizia nasca spontanea e senza fronzoli. Che forse la quantità di amici, magari cresciuta su Facebook, ha fatto perdere qualità al senso di amicizia, e che tanti amici poco amici non fanno un vero amico!

Allora possiamo decidere di ridare all’amicizia l’importanza che merita, selezionare con più attenzione i candidati amici, e stare attenti alle quattro modalità necessarie per lo sviluppo dell’amicizia: 1) aprirsi sinceramente un po’ per volta; 2) supportare l’altro emotivamente in maniera non giudicante; 3) contraccambiare l’ascolto e le attenzioni; 4) spendere tempo insieme in un modo reciprocamente soddisfacente, quindi con autoriflessività, con comprensione della mente altrui e con padronanza del proprio comportamento malgrado le emozioni.

Infine, possiamo decidere di scegliere i candidati amici sulla base delle nostre vere emozioni interpersonali di relazione specifica, tra persone che ci piacciono davvero come persone, e non per calcolo, né per sballo comune, né per interesse economico o carrieristico, né per disperazione.

Nota di psicologia della musica: consiglio di rileggere questo scritto con in sottofondo il Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 di Rachmaninov, secondo movimento, adagio sostenuto.

A cura del Dott. Francesco Aquilar, psicologo e psicoterapeuta cognitivista e comportamentale, presidente dell’Associazione italiana di psicoterapia cognitiva e sociale (AIPCOS), Napoli.

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud