Pressione: come tenerla sotto controllo

postato da web il 23.05.2017
23

“Bere abitualmente tè di ibisco (Hibiscus sabdariffa), più noto come karkadè o carcadè” questo il consiglio di Luca Avoledo, naturopata  “I Fiori dell’ibisco contengono polifenoli antiossidanti che hanno dimostrato anche un’azione ipotensiva” conclude l’esperto…
ASCOLTA I CONSIGLI


A cura di Luca Avoledo, naturopata

Condividere i ricordi d’amore

postato da web il 22.05.2017
22

La costruzione di una relazione romantica passa anche attraverso alcuni momenti topici, che sottolineano l’unicità del rapporto e che fermano nella memoria di entrambi i membri della coppia la straordinarietà positiva del loro incontro e della scelta di vita che ne è conseguita. Quando la relazione prosegue per molto tempo, spesso i due innamorati tornano con la memoria a quei ricordi, ne riparlano e soprattutto condividono la sicurezza della scelta fatta, sorridendosi a vicenda e riconfermandola. Quando, invece, il rapporto è in crisi, o si rompe, ciascuno rievoca nella sua memoria altri episodi, in particolare quelli nei quali si è avuta la sensazione netta che la relazione fosse irrimediabilmente finita: un litigio percepito come definitivo, un’incomprensione grave che fa percepire una distanza e una diversità ormai incolmabili, una menzogna imperdonabile, uno scontro che ha fatto sì che i due ormai ex partner percepissero l’impossibilità di riparare qualcosa che era irrimediabilmente perduta per sempre.

Tuttavia, alcune persone non hanno avuto la possibilità di essere ascoltate adeguatamente nel racconto dei loro episodi fondanti, nel sistema di relazioni di cui dispongono. Possono aver ricevuto un ascolto distratto, o inadeguato o addirittura sminuente o deridente. Oppure hanno evitato di raccontare i ricordi più drammatici, e anche quelli più lirici, per paura di essere fraintese, di essere considerate noiose o semplicemente per la vergogna di un possibile giudizio, o per la paura che l’interlocutore tradisse la loro fiducia raccontando a destra e a manca, e magari travisando, le loro emozioni e le loro storie più segrete. Ed ecco che i ricordi si “incistano”, possono diventare un fardello pesantissimo, e – se sono ricordi traumatici – possono trasformarsi in sintomi dissociativi e dare luogo, in certe condizioni, a disturbi psicopatologici.

In psicoterapia, questi e altri ricordi vengono condivisi con lo psicoterapeuta, all’interno di un contesto di sicurezza e ne vengono esplorati insieme tra paziente e terapeuta numerosi aspetti, alla ricerca dei significati delle esperienze passate (o anche recenti, ma comunque già accadute) e allo scopo di fare tesoro di quelle vicissitudini per un presente e per un futuro migliori, più consapevoli e caratterizzati da scelte più adeguate. I ricordi rappresentano il bagaglio della nostra conoscenza, il condensato delle nostre emozioni e la struttura delle nostre identità: personale, familiare, di coppia, professionale, filosofica ed esistenziale. Per questo vanno considerati sacri e trattati con il rispetto che meritano. In tal senso, il contesto adeguato di una psicoterapia diventa in alcuni casi necessario, per elaborare adeguatamente i ricordi, per il sollievo di condividerli, elaborandone i significati con un’altra persona che sa come fare ad alleviarne il peso. Ma anche per condividere alcune gioie private, che spesso appare inopportuno proporre alla conoscenza di qualcuno di cui non siamo sicuri di poterci fidare.

A cura del Dott. Francesco Aquilar, psicologo e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale a Napoli, docente di psicoterapia cognitiva a Roma

Truccarsi a occhi aperti

postato da web il 11.05.2017
11

Chissà perché chi si trucca gli occhi lo fa sempre chiudendo quello interessato.
Insolito e inconsueto pensare di farlo ad occhi aperti.
In realtà “lavorare” su un occhio  aperto non può che facilitare la realizzazione: avrete  “sotto controllo”, in tempo reale, quel che state realizzando.
Vi invito a provare: siete pronte?

Guardatevi nello specchio e cominciate:

Ecco come si presenta l’occhio struccato

Tracciate nella parte inferiore, con una matita scura, dei trattini  vicinissimi (come a creare una “riga”) e continuate verso l’esterno, seguendo la diagonale che i trattini suggeriscono, fino ad incontrare la parte finale della “piega” sull’osso orbitale.

Da lì, sempre con la stessa matita, continuate verso l’interno fino a raggiungere circa la metà dell’occhio. Il disegno indica come i trattini diventano più spessi, fino a diventare quasi un triangolo. Sfumate il tutto  con un pennello in martora con il pelo corto e mediamente rigido.

Applicate su tutta la lunghezza dell’ osso orbitale, con un pennello “cicciotto” e con i peli un po’ lunghi, un ombretto di un colore medio, magari leggermente vivace (pesca e/o affini)

Ultimate il trucco applicando, sopra e sotto, il mascara.

Con pochi prodotti e con pochi accessori (e con una semplicità quasi disarmante) avrete realizzato un trucco semplice, fresco e naturale.
Ah, ricordate:
è meglio TRUCCARSI AD OCCHI APERTI!

A cura di Luigi Sutera, consulente di immagine

Consolidare il legame romantico

postato da web il 08.05.2017
08

La vita di coppia può essere molto bella e significativa, ma è difficile svilupparla adeguatamente. Il consolidamento della relazione romantica è una missione possibile e molto piacevole, che richiede tuttavia molta attenzione, molta delicatezza e la rinuncia all’astuzia e all’egocentrismo. Per evitare che la vita di coppia diventi una tortura o una routine noiosa e ripetitiva, e per rinnovarla positivamente nel tempo con enormi vantaggi per entrambi. Dopo i primi 6-12 mesi di innamoramento, di cui abbiamo parlato nell’articolo precedente, durante i quali il rapporto romantico è stato messo alla prova, se non c’è stata disillusione o rifiuto o rottura della relazione stessa, è il momento di consolidare il legame amoroso. Intanto, affinché la relazione abbia buone possibilità di sviluppo positivo, occorre che le due persone si assomiglino, e anche molto. Tra “chi si somiglia si piglia” e “gli opposti si attraggono”, la ricerca ha dimostrato più vero il primo proverbio, rispetto all’evoluzione dei sentimenti romantici. Gli opposti sicuramente si attraggono, perché l’Altro o l’Altra dispongono di caratteristiche diverse e sicuramente interessantissime, che tuttavia difficilmente coincidono con una relazione soddisfacente di lunga durata (mentre possono talvolta dar luogo a qualche esperienza sessuale sul momento molto interessante, ma episodica, senza sviluppi ulteriori e spesso fonte di notevoli sofferenze successive). Anche la vicinanza tra i valori dei partner, per ottenere uno sviluppo positivo della relazione, deve essere notevole. Come nella distanza tra i due occhi di una persona: per guardare il mondo con profondità, integrazione e coordinazione, devono vedere il mondo da due punti di vista leggermente diversi, non troppo differenti. In queste condizioni, ai partner che desiderano consolidare il proprio legame romantico, spettano una serie di compiti e una serie di decisioni da armonizzare, fra i quali:

1. Diventare indipendenti dai genitori e/o dalla relazione romantica precedente;
2. Stabilire se cercare di avere figli, e a quali condizioni, consapevoli dell’impegno prioritario che ne deriva;
3. Stabilire le “tradizioni” e le modalità delle relazioni sociali e amichevoli della nuova coppia;
4. Bilanciare l’impegno tra sviluppo personale, vita sentimentale, famiglie di origine, vita sociale e vita professionale;
5. Coordinare e concordare i tempi e gli spazi della casa, del lavoro, del tempo libero, della giornata, della settimana, del mese e dell’anno;
6. Valutare quanto sia soddisfacente il mix di impegni verso la relazione romantica, la carriera, gli eventuali figli, lo sviluppo personale e la comunità in senso ampio;
7. Fronteggiare gli ostacoli allo sviluppo romantico, quali: lutti, malattie, eventuali “cotte” passeggere, disturbi psicologici, difficoltà economiche, modificazioni del significato;
8. Riprogrammare ciclicamente i tempi, gli spazi e le attività della coppia per aggiornarle rispetto alle diverse situazioni e allo sviluppo personale di ciascuno.
Continueremo a trattare di questi argomenti nei prossimi articoli. Per ora, per saperne di più:
-Aquilar F., a cura di, Parlare per capirsi. Strumenti di psicoterapia cognitiva per una comunicazione funzionale, Franco Angeli.
-Aquilar F., a cura di, Parlare d’amore. Psicologia e psicoterapia cognitiva delle relazioni intime, Franco Angeli.

A cura del Dott. Francesco Aquilar, psicologo e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale a Napoli, docente di psicoterapia cognitiva a Roma.

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud