Depilazione con rasoio a mano

postato da Nicoletta Carbone il 29.10.2015
29

Quando ci si depila con rasoio a mano, è consigliabile utilizzare rasoi usa e getta, cioè per una sola volta, al fine di prevenire eventuali infezioni batteriche, più probabili se i rasoi sono già stati usati. Dopo questa procedura è raccomandabile l’uso di pomate a base di ossido di zinco e di magnesio silicato, che hanno la funzione di proteggere la pelle e di creare una barriera protettiva contro i batteri. In alternativa sono molto utili anche pomate contenenti deltalattone, una sostanza di origine vegetale che aiuta a proteggere la pelle dopo la depilazione.

A cura del Prof. Antonino Di Pietro, direttore del servizio Dermatologia dell’Ospedale di Inzago (MI)

Infuso vitaminico e rimineralizzante per l’autunno

postato da Nicoletta Carbone il 27.10.2015
27

Per  affrontare al meglio il cambio stagionale ecco un ottimo infuso da consumare durante i mesi autunnali: in una tazza d’acqua  bollente lasciare in infusione i seguenti rimedi in parti uguali: cinorroidi di rosa canina, rosmarinus officnalis, equisetum arvense, urtica dioica, bacche vaccinum mirtyllus. Si consiglia  un cucchiaio di  erbe  officinali  per tazza, lasciandole in infusione per 15 minuti  e successivamente berlo senza dolcificarlo, grazie alla presenza del mirtillo e della rosa canina il gusto risulta molto gradevole.

A cura del dott. Marco Temporin, medico chirurgo specialista in Igiene e Medicina preventiva

Lo sbiancamento dei denti

postato da Nicoletta Carbone il 23.10.2015
23

I denti si sbiancano per cessione di ossigeno allo smalto da un gel attivato in vari modi, con la luce o chimicamente per citare i più diffusi. I vari sistemi tendono ad equivalersi, ma va prestata attenzione alla sensibilità dentale dopo l’applicazione, e anche alla protezione delle mucose in quanto questi gel sono fortemente irritanti. L’effetto, variabile da persona a persona, può durare 6/12mesi, anche di più, dipende dal tipo di smalto e dall’assunzione di sostanze pigmentanti quali fumo, caffè vino etc…    Alla poltrona lo sbiancamento richiede un’ora , se invece si applica a casa dipende dalla metodica, via via meno efficace quanto meno concentrato ( ma anche meno irritante) è il gel. Se ci sono otturazioni o capsule in posizioni visibili, queste non si schiariranno risultando poi drammaticamente visibili, eventuali carie possono veicolare il gel nel dente con aumento della sensibilità e dolore: attenzione al fai da te!

A cura del Prof. Alessandro Nanussi

Chiedere il meglio

postato da Nicoletta Carbone il 21.10.2015
21

Ricordo tempo fa, in uno dei periodi difficili della mia famiglia di origine, una delusione di mia madre. Erano tempi economicamente stretti e, visto che sapeva cucire bene, aveva provato ad arrotondare facendo qualche lavoretto.
Era molto brava, aveva esperienza, e così si rivolse a un sarto di alto livello per fare qualcosa. Il professionista decise di metterla alla prova con qualche piccola cosa che lei faceva la sera, ormai troppo stanca per essere precisa.
Purtroppo la qualità del suo lavoro, proprio perché era a pezzi, fu sotto lo standard del sarto. Infatti le disse che non poteva darle altre cose da fare: “le pago questi lavori ma finiamo qui, i miei clienti non accetterebbero una cosa fatta così”, disse.
Mi madre ci rimase molto male. Un po’ per l’opportunità persa di guadagnare qualcosa e far quadrare i conti, molto per lo smacco nel saper di aver fatto male, lei che era così precisa!
Ricordo, che pensai che il sarto era un po’ stronzo. Pensavo che avrebbe dovuto dare comunque qualcosa da fare a mia madre. Primo perché ne aveva bisogno, secondo perché sì aveva sbagliato, ma in fondo non per colpa sua…
Ai tempi ero un bambino, certe cose non le capivo. Oggi la penso diversamente. Mia madre ovviamente concordava col sarto.
Quella che oggi ci ostiniamo a chiamare crisi sta mettendo in difficoltà molte persone. Nonostante questo, troppi continuano a lavorare male, aspettandosi che qualcuno li aiuterà, visto che ne hanno bisogno.
Nella nostra famiglia, Nancy ed io, stiamo cercando con tutte le nostre forze di insegnare alle nostre figlie il valore dell’impegno e dell’eccellenza. Chiediamo loro di pensare a come si preparano per un concerto i loro cantanti preferiti, o per una gara gli atleti che ammirano.
Per raggiungere quei risultati danno tutto, come facciamo noi e tante altre persone ogni giorno: dal barista sotto casa nostra, ad alcune maestre a scuola.
Quel sarto aveva ragione, non poteva, per aiutare una sconosciuta, deludere i suoi clienti e perdere la loro fiducia conquistata dopo anni di duro lavoro.
Il cliente vuole il meglio, ed è giusto che sia così. Lo dovrebbero fare tutti, non solo i clienti, anche i partner, gli amici, alunni, professori…
Dovresti farlo anche tu. Dovresti chiedere solo il meglio.
Ovviamente per farlo, devi darlo tu per primo.
Nel tempo ho imparato a comportarmi come quel sarto. Di fatto fece la cosa giusta per sé stesso, i suoi clienti e pure mia madre. Lei, da donna straordinaria quale era, sapeva che aveva fatto un errore, ecco perché ci rimase male. Un errore che non aveva mai fatto prima, dal quale imparò e non fece mai più.
Non diventò mai famosa o ricca, però diede sempre il massimo lasciando il segno ovunque; i suoi figli ne sono la testimonianza.
Quel sarto fu giusto e corretto. Si aiuta chi se lo merita, non chi ha bisogno.
Ecco perché, quando prendo la decisione di non dare lavoro a chi non lo rispetta come dovrebbe, mi sento in pace con la mia coscienza.
Il lavoro non è un diritto, il lavoro è una scelta. Come ogni scelta, puoi farla bene o male. In ogni caso ne raccogli i frutti.
Una cosa è certa. Chi fa bene, o almeno cerca di farlo con tutto il suo impegno, mal sopporta chi fa male.
È una legge di natura. Può piacere o no, ma le leggi naturali sono poco interessate al consenso, sono interessate a far funzionare il sistema.
Dai solo il meglio, in questo modo potrai anche permetterti di chiederlo.
Love on ya!

A cura di Claudio Belotti, Coach

Un angolo tutto per voi

postato da Nicoletta Carbone il 19.10.2015
19

Le case sono sempre più piccole. Le necessità e le esigenze di spazio sono sempre maggiori. Un rapporto che rende inversamente proporzionale il rapporto che interviene tra la superficie oggettiva della casa, con le necessità di spazio che la vita impone. L’arrivo della prole, l’archiviazione di documenti che si sedimentano, la creazione di un angolo ufficio, sono solo alcune delle priorità che possono erodere progressivamente lo spazio vitale. Eppure la necessità di possedere un piccolo angolo tutto per sé è di fondamentale importanza per l’equilibrio di un individuo. Un aspetto ben noto a chi è cresciuto in famiglie numerose e che ha diviso una stanza in comunità con diversi fratelli. Questo non significa avere segreti o avere l’alibi di creare un luogo che li possa contenere, bensì quello di avere un punto nel quale una persona abbia la possibilità di riordinare le idee, ritrovare coraggio, identità, ogni qual volta lo ritenga necessario. Non importa se sia ampio e tale da essere chiamato “studiolo”. Non importa se la condivisione degli spazi lo renda vulnerabile, percorribile e di comune accesso. Che sia di un metro quadrato o che si semplifichi in un cassetto. L’unica condizione è che sia solo vostro. E’ un atto di rispetto nei nostri confronti e fornisce la possibilità di ritrovare se stessi, attraverso ciò che all’interno abbiamo raccolto e conservato. Solitamente vi si raccoglie tutto il proprio passato, ci ricorda le speranze, le ambizioni, i sogni e questo aiuta ad affrontare il futuro. Ricordarsi da dove si viene, è fondamentale per non perdere di vista le scelte intraprese e la “strada” che stiamo percorrendo. Aiuta a mantenere la propria identità, che spesso gli ambienti esterni tendono a violare. Ci aiuta a ricordare da dove siamo partiti, quali fossero i nostri sogni e ci aiuta a mantenere vivi quelli che ancora conserviamo. Il consiglio, lontani da qualsiasi atteggiamento coercitivo, di egoismo o di sopravvento, è quello di trovare una soluzione in condivisione, che possa soddisfare le esigenze personali e quelle di chi con noi divide gli spazi. La corretta convivenza è un elemento fondamentale per l’equilibrio individuale, utile soprattutto per scongiurare “serene e silenti disperazioni”.

A cura di Carlo Cazzaniga – Artigiano Artista

#BLU!

postato da Nicoletta Carbone il 13.10.2015
13

Tra i colori più utilizzati (per abitudine, inerzia o non so cos’altro) il più diffuso e’sicuramente il marrone. Cromia garbata, naturale e (con qualche mia riserva) ben adattabile quasi a chiunque. La mia riserva non fa riferimento all’ “adattabile” ma a quanto (seppur confermo il suo quieto e discreto buon risultato su quasi tutte le tipologie) possa poi aggiungere reali e visibili “migliorie” all’aspetto.

Il marrone “accompagna”, e’ vero, ma regala quasi sempre (non me ne vogliano le fans del “marrone a tutti i costi”) un alone di sottomessa tristezza! Sebbene io sia un sostenitore del trucco che rispetta il significato del termine (magia, gioco di prestigio: il trucco cioè che fa vedere il risultato ma non svela come ci si arrivi) sono a proporre (in alternativa) e a “difendere” un colore che invece quasi sempre NON e’ considerato adeguato ad un risultato naturale: Il BLU!
Personalmente trovo il blu invece un colore che, al di là dei meravigliosi accostamenti che suggerisce ed ispira (basti pensare al cielo ed al mare), regala “sostegno” vero con risultati sorprendentemente naturali!! Il blu è un colore VIVO,VITALE, VIVACE, INTRIGANTE ed al contempo DISCRETO!

  • Accostato ad occhi blu ne rappresenta la naturale estensione: sceglietelo in tonalità scure ed otterrete un “confine” cromaticamente perfetto e naturale!
  • Abbinato ad occhi verdi crea contrasto che ne esalta il colore: applicate una matita turchese sulla rima palpebrale interna ed aggiungerete luce riflessa all’iride!
  • Scelto per contornare occhi scuri aggiunge “colore” che si fonde con l’ intensita’: utilizzate unamatita blu notte all’interno e/o all’esterno e definirete ed esalterete la “passionalità” di un occhioscuro!

Ricordate inoltre che IL BLU “SBIANCA”!

Avete mai notato che tantissimi detersivi liquidi per il bucato sono blu? E che quelli in polvere (bianca) contengono quasi sempre dei “granellini” blu? Promettono e garantiscono biancheria brillante e bianchissima…
Un “famosissimo” collirio (fama legata all’effetto “sbiancante”) era di colore blu. Il BLU – sottolineo ancora ‐ SBIANCA! Di conseguenza, se lamentate occhi arrossati (di qualsiasi colore siano i vostri), optate per un trucco realizzato con le varie tonalità del BLU perché rappresenta (esteticamente) la soluzione migliore a questo problema!

A cura di Luigi Sutera, consulente d’immagine

Per avere la pelle dei piedi morbida

postato da Nicoletta Carbone il 02.10.2015
02

I piedi sono spesso la parte più trascurata del nostro corpo, eppure per mantenerli morbidi, sani e levigati basta seguire alcuni semplici accorgimenti. Prima di tutto occorre  indossare scarpe comode e solette morbide. E’ inoltre utile fare almeno due volte alla settimana, un pediluvio a base di olio di lavanda oppure di tiglio o di timo. Infine bisogna massaggiare tutti i giorni i piedi, usare quotidianamente la pie¬tra pomice e applicare pomate idratanti.

A cura di Antonino Di Pietro dermatologo plastico d i Milano, presidente Isplad

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud