Mirtillo e ribes: ottimi e poco utilizzati

postato da Nicoletta Carbone il 29.04.2011
29

Non  solo  frutti decorativi,  ma  anche  preziosi alimenti  ricchi  di vitamina a  e vitamina c  utilissimi per  chi  vuole  fare una scorpacciata  di vitamine  naturali, a basso  indice  glicemico  sono frutti  adatti anche  alle persone  che  devono  limitare  gli zuccheri. Utilissimi  per  la vista, ottimi  protettori  della microcircolazione  per le insufficenze  venose.

A cura del Dott. Marco Temporin, Medico Chirurgo, Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

Le carote

postato da Nicoletta Carbone il 28.04.2011
28


Se amate le carote crude grattugiate, provate a servirle al termine del pasto con fettine di mela verde biologica (non sbucciata), granella di nocciole, uvetta essiccata naturalmente, zenzero e cannella in polvere e miele artigianale d’acacia. Avrete così un insolito dessert ricco di fibre e di antiossidanti, povero di zuccheri, privo di grassi saturi e molto piacevole.

A cura della Dott.ssa Paola Reverso, medico nutrizionista e presidente dell’associazione “Il me + te”.

Allergia, acido linoleico e forma fisica

postato da Nicoletta Carbone il 27.04.2011
27

Periodo di allergia e di lotta ai chili di troppo. C’è una particolare sostanza, l’acido linoleico coniugato (chiamato anche CLA) che aiuta ad affrontare e superare entrambi i problemi. Infatti si tratta di un olio particolare dotato di un’attività estremamente interessante. Si tratta infatti di una sostanza alimentare che ha dimostrato di essere contemporaneamente un buon antiallergico, un attivatore del metabolismo e un discreto antinfiammatorio. Così da controllare le allergie mentre si aiuta l’organismo a sciogliere le antiestetiche “maniglie dell’amore” depositate sui fianchi. Questo magari può aiutare le persone che si affannano per entrare nuovamente nel costume prima di andare al mare mentre stanno prendendo antistaminici per trattare una qualsiasi forma di allergia sapendo che queste sostanze possono portare ad un effetto di blocco nel calo della massa grassa. Dal punto di vista evoluzionistico, il modo in cui agisce questo olio è veramente intrigante: l’organismo, come se vivessimo 800000 anni fa,  riconosce che c’è a disposizione un olio “buono” e allora inizia a consumare quello accumulato… Inoltre sfrutta la sua azione antiallergica e antinfiammatoria, arrivando quindi in modo semplice a prendere due piccioni con una fava ed unire l’utile al dilettevole.

A cura del Dott. Speciani, Specialista in Allergologia e Immunologia Clinica.

Esercizi di Consapevolezza: la Self-Compassion

postato da Nicoletta Carbone il 26.04.2011
26

Contrariamente a quanto in genere si creda molte difficoltà psicologiche, incluse ansia e depressione, sono collegate alla mancanza di compassione verso di sé. Un eccesso di severità interna verso noi stessi. Un esercizio può aiutarci a ridurla. Mettetevi in posizione comoda su una poltrona, chiudete gli occhi e fate qualche respiro profondo. Poi provate a ricordare i seguenti quattro episodi della vostra vita: innanzi tutto un momento in cui vi siete sentiti ENERGICI, pieni di forza. Costruite come una diapositiva mentale di quel momento, che includa suoni, odori, persone presenti, e restate per qualche minuto su questa immagine mentale. Poi, ricordate un episodio in cui vi siete sentiti PIACEVOLMENTE EMOZIONATI, magari perché stava per succedere qualcosa di bello e interessante. Anche in questo caso provate a recuperare il ricordo polisensoriale di quel momento (vista, udito, tatto, olfatto, gusto). Ancora, ricordate un episodio in cui vi siete sentiti RILASSATI, ma di un rilassamento pieno, gradevole e memorabile. E restate per qualche minuto su questa immagine. Infine, provate a recuperare il ricordo, anche lontano, di un momento in cui vi siete sentiti SICURI NELLA RELAZIONE con una persona significativa: un amico, un familiare, una figura importante della vostra vita. Dopo qualche altro minuto, riaprite gli occhi e continuate la vostra giornata. Vi accorgerete che avete cominciato ad essere più compassionevoli verso voi stessi, e vi sentirete meglio (anche se con qualche momento di sana commozione): sicuri di poter riprovare quelle emozioni.

A cura del Dott. Francesco Aquilar, Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale.

Mal di schiena

postato da Nicoletta Carbone il 25.04.2011
25

La maggior parte delle persone che si avvicinano allo Yoga non arriva per una scelta spirituale o un desiderio di evoluzione  bensì “per il mal di schiena” denunciato soprattutto da una serie di dolori molto precisi e spesso confermato da medici specialisti. Quì mi riferisco in particolare a una zona della colonna dove si trovano sovente discopatie,ernie,protrusioni ecc. Desidero soffermarmi ora sulla zona lombare perché è una delle parti che più si prestano a queste sofferenze. Il metodo in uso nella scuola, che si basa su un attento studio dell’anatomia,considera che un lavoro costante sulla muscolatura glutea , sui bicipiti femorali, sui quadricipiti e sui polpacci,sia in grado di potenziare tutta la zona lombare proteggendola dagli attacchi dolorosi delle deviazioni già esistenti. Nel caso di sciatalgia, lombalgia, colpo della strega ecc., il semplice esercizio illustrato dalle foto si è rivelato un magnifico aiuto(anche nei casi acuti “di pronto intervento”). Vediamo nella prima foto la persona distesa a terra in posizione prona, poi la vediamo piegare  le gambe e infine (difficile!) staccare le ginocchia da terra portandole più in alto possibile. Ripetere, ripetere, ripetere….ogni giorno e portare le ginocchia sempre più in alto. Tanto per essere più chiari:se un contadino  vede che l’albero cresce storto, non lo taglia alla radice ma lo sostiene con paletti piantati nel terreno…Ovvio , no?! Vietato aiutarsi con una spinta delle mani!” Nel tempo , i risultati sono sorprendenti.

A cura di Lisetta Landoni, Presidente Accademia di Kriya Yoga di Milano

I farmaci in rete

postato da Nicoletta Carbone il 22.04.2011
22

Siamo sommersi, ogni volta che apriamo la posta, dalle offerte di prodotti farmaceutici, o cosiddetti tali, per curare le più svariate patologie, anche se i farmaci per la disfunzione erettile rappresentano l’80-90 per cento dell’offerta. Un’offerta a prezzi notevolmente inferiori a quelli praticati dalle farmacie. La tentazione è, ovviamente, forte. Risparmiare per ottenere qualcosa fa sempre piacere a chiunque. Con le medicine, però, bisogna stare attenti. Non parlo tanto del rischio che i farmaci venduti in rete contengano sostanze tossiche o veleni, eventualità assolutamente remota, parlo del rischio che, per ottenere una riduzione del prezzo di vendita, il principio attivo contenuto nel farmaco sia in quantità minore rispetto a quanto dichiarato sulla confezione. Un rischio per la salute, ma soprattutto un rischio per quello che riguarda la fiducia che si deve riporre in una terapia. Immaginiamo infatti quanto possa deluderci usare un medicinale e non trarne giovamento. Un discorso che vale particolarmente per i prodotti per la disfunzione erettile. Usarli e non vedere il risultato vuol dire non usarli più e questo significa perdere una opportunità per migliorare la qualità della vita.

A cura del Dott. Carlo Gargiulo, Medico di Famiglia.

Per bibite gustose

postato da Nicoletta Carbone il 21.04.2011
21

Se i vostri figli consumano troppe bibite, provate a incuriosirli con un’alternativa più sana e altrettanto gustosa. Acquistate succhi di frutta biologici senza zucchero, aggiungete acqua minerale gasata e addolcite con sciroppo d’acero o succo d’agave, due dolcificanti naturali particolarmente aromatici ricavati dalla linfa delle piante (li trovate nelle erboristerie o nei negozi di alimenti naturali).

A cura della Dott.ssa Paola Reverso, medico nutrizionista e presidente dell’associazione “Il me + te”.

L’alimentazione energetica della primavera

postato da Nicoletta Carbone il 20.04.2011
20

Per la dietetica energetica vi sono diversi fattori  essenziali. Uno di questi è il Jing (vitalità) degli alimenti. Il Jing è presente in grande quantità negli alimenti vegetali specie se freschi. Ad esempio i germogli di soia sono alimenti ricchi di Jing. In generale sono ricchi di questa essenziale sostanza tutti gli alimenti “potenziali” cioè in quelli che non hanno ancora sviluppato tutte le loro caratteristiche (pensate appunto ai germogli di soia o all’ uovo “fecondato”). Un altro elemento essenziale è il sapore degli alimenti. Per la dietetica energetica gli alimenti di sapore acido nutrono il fegato (energetico), quelli amari il Cuore, quelli dolci la Milza pancreas, quelli piccanti il Polmone e quelli salati il Rene. Importante è che il sapore sia leggero come ad esempio il salato di una castagna e non come il sale. L’ utilizzo di alimenti di “forte sapore” va limitato pena il “ferire” della forma dell’ organo associato. Così in Primavera oltre ai germogli sono indicate le spremute di agrumi al mattino, fra le diverse verdure la cicoria, l’ indivia, gli spinaci, il tarassaco e gli asparagi. Bene anche le carote, gli asparagi, i piselli, le fave ed i porri. Fra i prodotti animali le carni di pollo, le uova ed il coniglio. Limitare il sale, utilizzare moderatamente l’ olio extravergine di oliva e diminuire significativamente la quantità di Legumi, cereali e grassi.

A cura del Dott. Corradin, Medico Chirurgo, Docente di Fitoterapia energetica e agopuntura.

Più frullati di frutta fresca

postato da Nicoletta Carbone il 19.04.2011
19

Sembra che il consumo di frullati a base di frutta, in particolare i frullati di mela, siano più efficaci dei tradizionali succhi di frutta nella prevenzione di malattie croniche. Infatti  una recente  indagine tedesca, pubblicata nel Molecular Nutrition & Food Research, ha sostenuto che il frullato di mela offre una più elevata biodisponibilità dei polifenoli rispetto al succo di mela o al sidro di mela, risultando quindi molto più efficace nella prevenzione delle malattie croniche del colon.

A cura del Dott. Marco Temporin, Medico Chirurgo, Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

Masticare per dimagrire

postato da Nicoletta Carbone il 18.04.2011
18

Dimagrire mangiando è sempre sembrato un sogno, ma la scoperta delle “Diete di segnale” ha aiutato a capire che chi si concede il tempo di gustare gli alimenti, di percepire il sapore dei piatti preparati e di masticare il cibo per goderne davvero, ha dei vantaggi  importanti. Mentre le nostre nonne ci hanno sempre detto di masticare per migliorare la digeribilità degli alimenti, oggi sappiamo invece che masticare aiuta anche a sconfiggere i chili in eccesso.

Il ricercatore giapponese Sakata, ha dimostrato che la masticazione determina l’attivazione di alcune cellule cerebrali che riducono l’appetito, e attivano la lipolisi cioè lo scioglimento del grasso. Il grasso che viene ridotto è soprattutto viscerale, proprio quello che porta a ingrossare la pancia… Gustando i nostri cibi fino in fondo  e masticando bene, si riduce la ricerca del cibo e si attiva un meccanismo di scioglimento del grasso che può essere efficace come quello dell’attività fisica. Insomma, mentre si mangia è utile abituarsi a gustare i propri piatti, per guadagnare in salute.

A cura del Dott. Speciani, Specialista in Allergologia e Immunologia Clinica

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud