Percorso anti stress – 5° lezione

postato da web il 22.03.2017
22

Ciao, ecco il nostro ultimo allenamento. Come sempre puoi leggere e implementare o ascoltare il podacast sul mio sito www.raffaellacicogna.com.
Potrai utilizzare tutti gli esercizi da soli oppure combinandoli fra loro, scegliendo quelli che ti sono più piaciuti o che ti hanno portato maggiore benessere. Buon Relax!

Prenditi 5 minuti. Programma il timer, silenzia il cellulare, siediti in posizione comoda con la schiena eretta e le spalle aperte ma non rigide. Chiudi gli occhi e focalizzati sul tuo intento che è rilassare lasciare andare le tensioni nel collo e testa:

1 – Inspira ed espira profondamente 5 volte. Metti la tua attenzione sul tuo corpo e rilassa gli sforzi e le tensioni che hai accumulato.
2 – Muovi la testa da destra a sinistra. Inspira andando verso una direzione espira verso l’altra. 10 volte
3 – Dalla posizione eretta port ail mento verso il petto espirando. 10 volte (se il mento non arriva a toccare il petto fai quello che riesci, gradatamente migliorerai).
4 – Porta l’orecchio destro verso la spalla destra espirando. 10 volte (fai attenzione a non alzare la spalla ne a torcere il collo)
5 – Porta l’orecchio sinistro verso la spalla sinistra espirando. 10 volte
6 – Contrai gli occhi inspirando e rilascia espirando. 10 volte
7 – Contrai la bocca inspirando e rilascia espirando. 10 volte
8 – Apri e chiudi le mani velocemente. 20 volte
9 – Ora passa le mani sul viso con un movimento che va dal centro verso le orecchie lentamente. Inspira quando le mani sono sul tuo viso, espira quando vanno verso i lati. 5v
Ora passa le mani dalla attaccatura del capelli verso il collo fino alle clavicole. Ispira quando sei sulla tua testa, espira durante il movimento. 5v.
Rilassati sulla sedia e riposa.

Mi auguro che queste settimane di allenamento abbiano portato maggiore benessere nella tua vita di tutti i giorni. Rilassarsi non vuole dire perdere la tensione verso un obiettivo, piuttosto significa raggiungere lo stesso senza uno spreco inutile di energie.

A cura di Raffaella Cicogna

Trucco: le cose da non fare!

postato da web il 17.03.2017
17

Solitamente chi si rivolge a me, per imparare a truccarsi, mi chiede quali sono LE COSE DA FARE per ottenere un buon risultato. Spesso rispondo consigliando quali sono LE COSE DA NON FARE!

- Non scegliete correttori molto chiari per attenuare le occhiaie: le schiarireste aumentandone l’effetto grigiastro.
- Non utilizzate creme troppo grasse prima di applicare il fondotinta: ne diminuireste la “tenuta” durante il giorno.
- Non applicate il blush (o la terra) senza prima aver tamponato sulla pelle un piumino “intriso” di cipria: piuttosto che una sfumatura naturale sulle gote o gli zigomi otterreste antiestetiche macchie di colore.
- Non prediligete ombretti chiari su palpebre “pesanti”: i colori chiari non aggiungono soltanto luce ma evidenziano anche rughe e sporgenze.
- Non crediate che una matita chiara sulla rima palpebrale interna doni sempre brillantezza: nella maggior parte dei casi rende lo sguardo vacuo.
- Non lasciatevi sedurre da mascara che promettono ciglia finte: se non saprete gestire il prodotto alle vostre ciglia aggiungerete volume si, ma…anche grumi.
- Non ammorbidite le labbra con prodotti specifici (burro di cacao e c.) immediatamente prima di applicare il rossetto: ne ridurreste la tenuta e ne aumentereste le sbavature.
- Non schiarite le labbra con rossetti chiari per renderle meno grandi ed in primo piano: i colori chiari aggiungono volume.

Probabilmente a questo punto vorreste sapere cosa FARE.
Sappiate che NON FARE quello che rappresenta un errore vale già il 50% di un buon risultato…e non solo del trucco!

A cura di Luigi Sutera

W le donne tutto l’anno!

postato da web il 14.03.2017
14

Alla donna “moderna” è spesso richiesto di essere multitasking, con l’obbligo di riuscire a conciliare la vita famigliare con i tempi e le esigenze lavorative ma purtroppo in alcuni settori questo ancora non e’ possibile a causa ad, esempio, di oggettiva inconciliabilità tra orari di lavoro ed esigenze famigliari.
Esistono, fortunatamente, anche esempi in cui il ruolo femminile è, non solo valorizzato al massimo, ma diviene anche determinante ed è assolutamente possibile conciliare al meglio impegno professionale e gestione della famiglia.

Uno di questi è rappresentato da una multinazionale famosa per un robot da cucina, che è possibile acquistare solo a domicilio che, fino a qualche tempo fa, esigeva che tale elettrodomestico fosse venduto esclusivamente da donne perché l’allora direttore generale, peraltro un uomo, era convinto che solo una donna sapesse organizzare e gestire contemporaneamente lavoro e famiglia.

Ma, purtroppo, la famiglia non è sempre un “caldo rifugio” per le donne che, sempre più spesso, proprio all’interno di essa vivono e subiscono, nel silenzio e nella solitudine più assolute, la disperazione per i soprusi e le violenze di compagni e mariti che, nei casi estremi, arrivano a diventare i loro carnefici.

Per fortuna, come raggi di sole che squarciano cupe nubi, a fianco di queste sfortunate donne ci sono le tante associazioni di volontariato che sistematicamente, con infinito impegno, grande perseveranza e altissima professionalità, si fanno promotrici di tante iniziative che culminano nella giornata della festa delle donne.

Le donne, però, devono trovare il coraggio di ribellarsi e di reagire anche se questo significa denunciare il proprio marito o il proprio compagno. Devono, soprattutto, convincersi che non è vero che “…è tutto inutile…non cambierà nulla…”, perché non è così!

E’ necessario non perdere mai la speranza e convincersi che le cose, anche le peggiori, si possono cambiare, ma è necessario crederci e non mollare mai!

Gli esempi positivi, in tal senso, sono sempre più numerosi e, tra i tanti, voglio ricordare il progetto “Questo non è amore”, nato e fortemente voluto dalla Polizia di Stato per sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della violenza di genere ed accogliere ed aiutare le persone vittime di questi comportamenti.
Per cui…W la donna ma tutto l’anno!

A cura di Ines Seletti

Dire grazie fa bene

postato da web il 10.03.2017
10

Che l’essere umano sia un animale ingrato è evidente. Se così non fosse, ci prenderemmo più cura del pianeta, del nostro corpo, dei nostri anziani…
Invece tendiamo a dare troppe cose per scontato. Forse, il non aver sofferto per averle, ci fa pensare che sia tutto dovuto.
Quante volte diciamo grazie?
Non solo a parole ma nei fatti. Con qualche gesto. Contraccambiando, riconoscendo…
Vedo troppo “tutto dovuto”.
Ascolto troppe pretese.
Sento poco apprezzamento.
Troppe star che devono essere servite e riverite. Troppe vittime che hanno un debito con la vita. Moltitudine di persone che, perché pagano, si danno il permesso di essere maleducate e/o abusare.
Tante altre approssimative, che non prendono il loro ruolo/compito seriamente.
Poi ci sono gli altri. Sembrano pochi ma ci sono. Se ti guardi in giro, li trovi. Sembrano nascosti, non si vedono subito, ma ci sono. Fanno meno baccano, ecco perché non li senti.
Sappi che ci sono. Hanno bisogno di essere riconosciuti e apprezzati. Non lo vogliono, ma ne hanno bisogno. Ignorarli li porterebbe all’estinzione, e non ce lo possiamo permettere.
Quando li trovi, apprezzali, ringraziali e valorizzali.
Abbiamo bisogno di persone così. Tanto bisogno.

A cura di Claudio Belotti, Coach

Percorso anti stress – 4° lezione

postato da web il 08.03.2017
08

Lo stress comprime e ci rende rigidi. Impariamo questa settimana a ritrovare flessibilità.
Se oltre a leggere l’allenamento vuoi farti guidare dalla mia voce puoi andare sul mio sito e ascoltare i tuoi allenamenti in podcast. Buon relax.

Settimana 4

Prenditi 5 minuti. Programma il timer, silenzia il cellulare, siediti in posizione comoda con la schiena eretta e le spalle aperte ma non rigide.
Chiudi gli occhi e focalizzati sul tuo intento che è lasciare andare la rigidità.

1 – Inspirando ed espirando prendi consapevolezza di tutto il tuo corpo.

2Procedura di contrazione e rilassamento di tutto il corpo
Sii adesso consapevole dei tuoi piedi
Contraili più che puoi continuando a respirare
Rilassali e respirando lascia andare ogni tensione.

Sii adesso consapevole delle tue gambe
Contraile più che puoi continuando a respirare
Rilassale e respirando lascia andare ogni tensione

Sii adesso consapevole del tuo bacino e natiche
Contrai queste aree più che puoi continuando a respirare
Rilassa e respirando lascia andare ogni tensione

Sii adesso consapevole del tuo ventre
Contrailo più che puoi continuando a respirare
Rilassalo e respirando lascia andare ogni tensione

Sii adesso consapevole del tuo petto e spalle
Contrai la zona più che puoi continuando a respirare
Rilassa e respirando lascia andare ogni tensione

Sii adesso consapevole delle tue braccia e mani
Contraile più che puoi continuando a respirare
Rilassale e respirando lascia andare ogni tensione

Sii adesso consapevole del tuo collo e viso
Contraili più che puoi continuando a respirare
Rilassa e respirando lascia andare ogni tensione

Appoggiati allo schienale, stiracchiati se ne hai bisogno e respira.
Senti il tuo corpo e come hai recuperato flessibilità e morbidezza. Senti se questo esercizio ha fatto bene anche al tuo stato d’animo.

Raffaella Cicogna  - Mind&body coach  - Insegnante del Metodo Grinberg®

“Mi sono fatto crescere la barba!”

postato da web il 06.03.2017
06

Tanti uomini, me compreso, ultimamente hanno abbracciato una tendenza che ha dilagato e che sta ancora spopolando:
SI SONO FATTI CRESCERE LA BARBA!
Mi chiedo: come mai nel corso della mia vita non mi era venuto in mente?
In verità, intorno ai 16 anni (a quell’età sulla mia faccia abitava già folta) ci avevo provato finché mio padre (uomo supermoderno che tutto tollerava tranne la barba) esordì: “Come mai da qualche giorno non ti radi?”
Così, incoraggiato dal suo tono autorevole e supportato dalla mia scarsa convinzione, misi frettolosamente fine alla mia lovestory con la barba.
Per decenni faccia liscia e pulita. Mi sono rasato tutte le mattine (anche nei periodi di vacanza). Poi, un po’ più di due anni fa, una donna che amo e stimo tanto mi dice: “Perché non ti fai crescere la barba?”
Sappiamo bene che l’amore sprona e induce a fare anche ciò che non ci sogneremmo neanche di pensare, così l’ 11 agosto di due anni fa (periodo in cui solitamente non lavoro) osai sperimentare.
La prima settimana lo specchio mi propose un viso strano ma, nonostante non mi riconoscessi del tutto, decisi di resistere.
Avevo ancora qualche giorno per “ragionarci su” prima di tornare al lavoro: imperterrito, osai ancora continuare.
Giorno dopo giorno, però, quella “peluria” cominciò a somigliarmi e, con “coraggio”, portai al lavoro (con me) la mia nuova faccia!
Inaspettatamente avvertii su me sguardi accondiscendenti e una curiosità che svelava approvazione.
Dopo gli sguardi le parole:
“Da quanto non ti radi più?”
“Quando hai fatto crescere la barba?”
…e:
“Perché non l’ hai fatta crescere prima?
“Come stai bene con la barba!”
Mi ha dato libertà e sicurezza. Mi ha esteso, evolvendo desideri e bisogni (e non sto esagerando).
È diventata supporto e compagna di nuove passioni.
La differenza tra il ME di prima e il ME di adesso è che il mio aspetto CON la barba dice di me quello che il mio esser SENZA taceva.
Da quando MI SONO FATTO CRESCERE LA BARBA non devo “raccontarmi”: SEMBRO ciò che SONO!
E se SONO ciò che SEMBRO tutto è più facile, fluido e naturale.
Talvolta basta poco: ciò che sembra distante da noi può prenderci per mano e diventare contagio buono, suono e armonia, fantasia che si aggiunge al reale.
Improvviso che risplende e fa luccicar la vita che, attenzione, non è solo giovinezza e perfezione (che sembrano essere le uniche e assolute ambizioni di questo tempo) ma consapevolezza e conoscenza di sè.
Una mia non giovane amica (ben più saggia di me), che non si affida a “manipolazioni” estetiche, mi ha detto “…tanto la vecchiaia vince sempre lei!” e io mi permetto di aggiungere “…la perfezione non sempre rende perfetti!”
Nel corso della nostra vita sono tante le strade che possiamo percorrere…
Credo non si debba inseguire la bellezza, credo si debba semplicemente trovare NOI!

La barba, a differenza di ciò che si possa credere, non mi ha coperto ma, al contrario, ha scoperto di me cose che non conoscevo o che pensavo non mi somigliassero.

Ho raccontato questa mia esperienza per incoraggiarvi ad esplorare, osare, uscire dai consueti confini.

A cura di Luigi Sutera, Consulente d’immagine

Percorso anti stress – 3° lezione

postato da web il 01.03.2017
01

Ciao, questa settimana aggiungeremo nuovi esercizi alla “cassetta degli attrezzi” per il relax, che abbiamo iniziato a creare nelle precedenti settimane di allenamento. Se oltre a leggere l’allenamento vuoi farti guidare dalla mia voce puoi andare sul mio sito e ascoltare i tuoi allenamenti  in podcast. Buon relax.

Settimana 3
Prenditi  5 minuti. Programma il timer, silenzia il cellulare, siediti in posizione comoda con la schiena eretta e le spalle aperte ma non rigide. Chiudi gli occhi e focalizzati sul tuo intento che è rilassare e lasciare andare le tensioni nel tuo corpo.

Es 1- Inizia a respirare regolarmente focalizzando la tua attenzione sull’inspirare ed espandere la tua cassa toracica espirare e rilasciare ogni sforzo che percepisci. Fallo per 5 volte.

Es 2-  Esercizio 4×5′ – durata 3′
Inspiro- tengo il respiro – espiro – tengo il respiro ogni fase dura 5 secondi. Conta dunque nella tua testa 5 mentre inspiri – 5 mentre tieni il respiro- cinque mentre espiri – cinque mentre tieni in respiro.
Adatta il ritmo alla tua capacità polmonare; non devi mai andare in fame d’aria ma non deve neanche essere troppo facile da permetterti di allenarti pensando ad altro.

Es 3-  Esercizio di silenzio – durata 2′
Gira la testa a destra completamente, in modo che si trovi sulla spalla destra, chiudi gli occhi e inspirando porta la testa a sinistra, ora espira e porta la testa a destra, inspira e portala a sinistra. Instaura un ritmo regolare.

Sono passati cinque minuti. Come stai? Come senti e percepisci il tuo corpo? Puoi ripetere l’allenamento quante volte vuoi al giorno e puoi iniziare ad alternare gli allenamenti in modo da ottenere una certa varietà.

Raffaella Cicogna  - Mind&body coach  - Insegnante del Metodo Grinberg®

Sos memoria

postato da web il 27.02.2017
27

“Non mi ricordo più” vi ricordate l’ultima volta che avete detto questa frase? Se la vostra memoria perde qualche colpo provate ad allenarla con questi semplici esercizi: GUARDA IL VIDEO

A cura di Giuseppe Alfredo Iannoccari, Presidente Assomensana

Percorso anti stress – 2° lezione

postato da web il 22.02.2017
22

Abbiamo iniziato la scorsa settimana ad allenare la nostra attenzione e il nostro respiro al fine di portare maggiore consapevolezza, espansione e rilassamento. Continueremo in modo da acquisire nuovi strumenti e creare una nostra “cassetta degli attrezzi” per il relax.

Settimana 2
Prendiamoci  5 minuti. Programmiamo il timer, silenziamo il cellulare, sediamoci in posizione comoda con la schiena eretta e le spalle aperte ma non rigide. Chiudiamo gli occhi e focalizziamoci sul nostro intento che è rilassare ed espandere il nostro corpo.

Es 1- Seguire la respirazione
Respiriamo 3 volte profondamente mettendo le mani sul petto.
Respiriamo 3 volte profondamente mettendo le mani sul diaframma.
Respiriamo 3 volte profondamente mettendo le mani sul basso pancia.
Inspiriamo ed espandiamo . Espiriamo e rilassiamo.

Es 2- Esercizi di contrazione e rilassamento – Focalizziamo l’attenzione sulle spalle

  • Portiamo la spalla sinistra verso l’orecchio contraendola e adattando la respirazione al movimento (non blocchiamo il respiro ma facciamo tanti respiri più corti ma continui) arrivati al massimo lasciamo e facciamo un bel respiro.

Ripetiamo a destra / Ripetiamo con le due spalle contemporaneamente

  • Portiamo la spalla sinistra verso il centro del petto contraendola e adattando la respirazione al movimento (non blocchiamo il respiro ma facciamo tanti respiri più corti ma continui) arrivati al massimo lasciamo e facciamo un bel respiro.

Ripetiamo a destra / Ripetiamo con le due spalle contemporaneamente

  • Portiamo la spalla sinistra verso il soffitto contraendola e adattando la respirazione al movimento (non blocchiamo il respiro ma facciamo tanti respiri più corti ma continui) arrivati al massimo lasciamo e facciamo un bel respiro.

Ripetiamo a destra / Ripetiamo con le due spalle contemporaneamente

  • Portiamo la spalla sinistra verso ilcentro della schiena  contraendola e adattando la respirazione al movimento (non blocchiamo il respiro ma facciamo tanti respiri più corti ma continui) arrivati al massimo lasciamo e facciamo un bel respiro.

Ripetiamo a destra / Ripetiamo con le due spalle contemporaneamente.

Riposate e prestate attenzione al vostro corpo, sgranchitevi e rilassate. Ogni esercizio può essere praticato singolarmente  per portare un po’ di rilassamento durante la giornata per esempio prima di abbandonare la postazione al computer o la vostra auto. Ogni esercizio va eseguito con attenzione e rispettando i limiti del proprio corpo.

Raffaella Cicogna  - Mind&body coach  - Insegnante del Metodo Grinberg®

La cura della pelle nella stagione fredda: bastano poche sostanze per fare la differenza

postato da web il 20.02.2017
20

La pelle subisce alcune alterazioni durante la stagione fredda, specie se in contatto prolungato con l’aria aperta, il vento e con agenti inquinanti sospesi nell’atmosfera. In particolare la componente che può determinare le più importanti ripercussioni sul benessere della pelle è la barriera cutanea. Si sono scritti fiumi di parole su di essa, non sempre pertinenti con la sua reale funzione fisiologica e composizione, tuttavia tale fondamentale struttura è costituita da uno strato di cellule cornee non più vitali, ma che rappresentano i mattoni di un muro in grado di difendere la cute dall’ingresso di sostanze nocive e microrganismi, cementate in modo continuo da una miscela di grassi con caratteristiche isolanti, elasticizzanti e appunto capaci di garantire una funzione di barriera. In particolare, proprio questa peculiare miscela di grassi costituita da Ceramidi per oltre il 50%, da Colesterolo e da acidi grassi saturi come l’acido stearico, garantisce l’uniforme presenza di acqua nell’epidermide e ne regola la fuoriuscita. Come una sorta di guarnizione fisiologica, questa barriera di grassi impedisce l’eccessiva perdita di acqua attraverso la pelle che può produrre secchezza, desquamazione, rossori e vere e proprie lesioni nei casi più severi.

Come limitare il depauperamento di questi grassi legata al freddo, all’esposizione al vento e agli inquinanti ambientali?

In realtà il gesto più semplice, gradevole ed efficace è quello di applicare quotidianamente e più volte al giorno un’emulsione barriera. Un’emulsione barriera è una crema con un’elevata quantità di grassi in grado di ripristinare l’efficienza della barriera cutanea, di svolgere un’azione lenitiva, emolliente e disarrossante.

Tali emulsioni, diffusamente disponibili in Farmacia non sono però tutte uguali. E’ molto importante avere certezza che contengano proprio l’esatta composizione fisiologica dei grassi di barriera della nostra pelle e segnatamente un’elevata quantità di Ceramidi, il Colesterolo e gli acidi grassi saturi con specifico riferimento all’Acido Stearico. Ulteriori sostanze molto utili alla salute della pelle sono agenti emollienti come la Vitamina E, molto importante per mantenere la fisiologia cutanea e per lenire eventuali irritazioni e sostanze come gli oli vegetali di Jojoba, Borragine, Argan per migliorare l’effetto surgrassante ed emolliente. Viste le indicazioni e l’applicazione su pelle che spesso può essere interessata da irritazioni, screpolature e desquamazione, sarebbe meglio evitare la presenza di conservanti sensibilizzanti e profumi che contengano allergeni.

A cura di Andrea Fratter

  • Un esperto per amico




    Attilio Speciani


    Specialista in Allergologia e immunologia clinica

     

    www.eurosalus.com





    Prof. Alberto Luini


    Direttore della divisione di senologia dello IEO






    Tetsugen Serra


    Maestro Zen - Fondatore della Mindfulzen: la Via di Consapevolezza

     

    www.mindfulzen.it

     

    www.monasterozen.it





    Prof. Antonino Di Pietro


    Direttore del Servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Inzago (MI)

     

    www.antoninodipietro.it





    Dott. Francesco Aquilar


    Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivista e Comportamentale

     

    www.aipcos.org





    Claudio Belotti


    Coach

     

    www.claudiobelotti.it





    Luigi Sutera


    Consulente d'immagine






    Giuseppe Alfredo Iannoccari, Ph.D.


    Presidente Assomensana

     

    www.assomensana.it





    Alessandra Rigoni


    Medico Chirurgo specialista in odontoiatria e ortodonzia a Milano






    Dott. Luca Avoledo


    Naturopata ed esperto di ecologia del corpo, nutrizione e salute naturale.

     

    www.lucaavoledo.it

     

    www.studiodinaturopatia.it





    Dott. Fabio Rinaldi


    Specialista in dermatologia e venerologia, Presidente della Fondazione IHRF in Milano.

     

    www.studiorinaldi.com





    Prof. Alessandro Nanussi


    Responsabile del Centro di Gnato-posturologia e dolore cranio-faciale, Osp. S. Gerardo, Clinica Universitaria della Milano-Bicocca. Past president della Società Italiana di Odontostomatologia dello Sport.

     

    www.studiodentisticonanussicoraini.it





    Prof. Marco Temporin


    Medico Chirurgo. Specialista in Igiene e Medicina Preventiva.

     

    www.marcotemporin.it





    Daniele Belloni


    Insegnante di yoga, scrittore e giornalista

     

    www.spazioshanti.org





    Mauro Castiglioni


    Farmacista Cosmetologo esperto in preparazioni Galeniche. Consigliere all'Ordine dei Farmacisti di Milano. Consigliere Nazionale SI.F.A.P. (Società Italiana Farmacista Preparatori






    Andrea Fratter


    Ricercatore, Cosmetologo ed esperto di Nutraceutica
    Docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica, SIME di Roma e presso il Corso di Perfezionamento in Farmacia e Farmacologia Cliniche dell’Università di Padova






    Dott.ssa Adele Sparavigna


    Dermatologa a Milano e Monza
    Direttore ricerche cliniche Istituto Derming

     

    www.adelesparavigna.it





    Raffaella Cicogna


    Body&Mind Coach

     

    www.raffaellacicogna.com





    Carlo Cazzaniga


    Artigiano - Artista

     

    https://cutcarlocazzaniga.net/
    artigianeide.wordpress.com





    Ines Seletti


    Presidente Ass. Adas Fidas Parma - Consigliera Ass. Fidas Nazionale con delega alla comunicazione e alle nuove tecnologie - Consigliera Ass. Futura Parma

     

    www.fidas.it

     

    www.adasfidasparma.it


  • Tag Cloud